1 1 1 1 1 Rating 5.00

A Londra una mostra accattivante e coinvolgente per conoscere le nuove opere di Olafur Eliasson, uno degli artisti contemporanei più versatili e geniali. Alla Tate Modern, fino al 20 Gennaio 2020.

Mostra Olafur Eliasson

Olafur Eliasson, Your uncertain shadow (colour), 2010 HMI lamps (green, orange, blue, magenta), glass, aluminium, transformers Thyssen-Bornemisza Art Contemporary Collection, Vienna Photo: María del Pilar García Ayensa/ Studio Olafur Eliasson Courtesy of the artist; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York / Los Angeles © 2010 Olafur Eliasson

Olafur Eliasson (1967) è un artista danese-islandese noto per le sue sculture e installazioni artistiche su larga scala che impiegano materiali semplici e naturali come la luce, l'acqua e la temperatura dell'aria per migliorare e rendere unica l'esperienza visiva dello spettatore. Nel 1995 fonda lo Studio Olafur Eliasson a Berlino, un laboratorio per la ricerca spaziale. Olafur ha rappresentato la Danimarca alla 50° Biennale di Venezia nel 2003 e nello stesso anno ha installato The Weather Project nella Turbine Hall della Tate Modern, portando oltre 2 milioni di spettatori nelle sale del museo londinese. Nell'ultimo decennio ha realizzato una serie di opere ed installazioni di grande impatto visivo situate in spazi pubblici di notevole importanza, tra cui il progetto Green River, realizzato in varie città tra il 1998 e il 2001; il Serpentine Gallery Pavilion 2007 a Londra (un padiglione temporaneo progettato insieme all'architetto norvegese Kjetil Trædal Thorsen) e le New York City Waterfalls, commissionate dal Public Art Fund nel 2008.

Olafur Eliasson

Olafur Eliasson, Your planetary window, detail, 2019 Glass mirrors, aluminium, steel 255 x 75 x 115 cm Installation view: Tate Modern, London, 2019 Photo: Anders Sune Berg Courtesy the artist; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York / Los Angeles © 2019 Olafur Eliasson

Mostra Olafur Eliasson Londra

Olafur Eliasson, Din blinde passager (Your blind passenger), 2010 Fluorescent lamps, monofrequency lamps (yellow), fog machine, ventilator, wood, aluminium, steel, fabric, plastic sheet Dimensions variable Installation view: Tate Modern, London, 2019 Photo: Anders Sune Berg Courtesy of the artist; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York / Los Angeles © 2010 Olafur Eliasson

Olafur Eliasson torna alla Tate Modern con un evento imperdibile, attraverso una serie di incredibili installazioni nate dal desiderio di rendere il pubblico consapevole dei propri sensi, delle persone che lo circondano e del mondo in generale. Alcune delle opere esposte introducono negli spazi delle gallerie fenomeni naturali come gli arcobaleni, la pioggia, il vapore; altre usano riflessi e ombre per giocare con i nostri sensi e per testare il modo in cui percepiamo e interagiamo con il mondo esterno. Molte opere derivano dalle costanti ricerche dell'artista nel campo della geometria complessa e dei modelli di movimento e nascono dal suo interesse per la teoria dei colori.

Olafur Eliasson Tate Modern

Olafur Eliasson, Your spiral view, 2002 Stainless-steel mirror, steel 320 x 320 x 800 cm Installation view: Tate Modern, London, 2019 Photo: Anders Sune Berg Boros Collection, Berlin © 2002 Olafur Eliasson

Mostra Tate Modern

Olafur Eliasson, Room for one colour 1997 Monofrequency lamps Dimensions variable Installation view at PinchukArtCentre, Kiev, 2011 Photo: Dmitry Baranov Courtesy of the artist; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York / Los Angeles © 1997 Olafur Eliasson

All'interno della mostra, il pubblico può visitare un'area espositiva che esplora il profondo impegno di Eliasson per i temi dell'ecologia e della protezione dell'ambiente nella società in cui viviamo; un modo unico e diretto per scoprire le idee e le possibili soluzioni dell'artista ai temi del cambiamento climatico, dell'energia rinnovabile, della migrazione e dell'architettura. Una volta ogni due settimane i visitatori possono comunicare con il team di ben 100 persone che lavorano presso lo studio di Berlino di Eliasson tramite un collegamento live.
Un gruppo di chef della cucina dello Studio Olafur Eliasson è a disposizione del pubblico per creare un menu speciale e un programma di eventi correlati per il Terrace Bar della Tate Modern, basati sul cibo biologico, vegetariano e di provenienza locale servito normalmente nel suo studio di Berlino.

Olafur Eliasson,  Big Bang Fountain

Olafur Eliasson, Big Bang Fountain 2014 Water, strobe light, pump, nozzle, stainless steel, wood, foam, plastic, control unit, dye 1650 x 1600 x 1600 mm Installation view at Moderna Museet, Stockholm 2015 Photo: Anders Sune Berg Courtesy of the artist; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York/Los Angeles © 2014 Olafur Eliasson

La mostra, organizzata dalla Tate Modern, in collaborazione con il Guggenheim Museum di Bilbao, accoglie una selezione di 30 delle opere più rappresentative dell'artista che occupano quasi del tutto gli ambienti espositivi della Tate, coinvolgendo anche le sale del Terrace Bar (con una versione rivisitata dell'innovativa mensa vegetariana del suo studio di Berlino) e gli spazi esterni del museo con una spettacolare installazione site specific. Tutte le opere qui presentate, tranne una, non sono mai state esposte in precedenza nel Regno Unito.

Olafur Eliasson In real life

Fino al 5 Gennaio 2020

Biglietto adulti £ 18.00

Aperta dalla Domenica al Giovedì dalle 10.00 alle 18.00
Venerdì e Sabato dalle 10.00 alle 22.00

Tate Modern

Bankside, London SE1 9TG

Vincenzo Sebastiano
Questo articolo è stato scritto per Qui londra da:
Vincenzo Sebastiano
Giornalista, storico dell'arte, architetto