4.6666666666667 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 4.67

Le opere di due dei più grandi geni artisti del XX secolo: Marcel Duchamp e Salvador Dalì. Alla Royal Academy of Arts fino al 3 Gennaio 2018.

Dalí Duchamp

Salvador Dalì and Edward James, Lobster Telephone (red), 1938 - Telephone, steel, plaster, rubber, resin and paper, 18 x 30.5 x 12.5 cm Photo: West Dean College, part of Edward James Foundation

Si tratta della prima mostra in assoluto che indaga lo stretto rapporto e la sorprendente relazione esistente tra Dalì e Duchamp, mettendone in evidenza la sintonia, l'influenza reciproca ed il comune spirito di rivolta nei confronti delle istituzioni, della società e dell'arte convenzionale.



Ad un'analisi più superficiale e frettolosa Dalí e Duchamp non potrebbero apparire più lontani e dissimili: in realtà i due artisti condivisero molte idee e principi artistici, mantenendo un legame duraturo di amicizia e ammirazione reciproca per tutta la vita. Ciò che alimentava questo sodalizio apparentemente improbabile erano le idee di fondo e la condivisione delle tematiche più profonde dei loro interessi artistici: l'erotismo, la semiotica, l'ottica, l'ironia, la condanna della guerra e della cultura occidentale in generale. Analizzando con più attenzione, si scopre che i due uomini erano uniti da una combinazione di umorismo e scetticismo che portò entrambi, in modi diversi, a sfidare le idee convenzionali dell'arte e della società del tempo.

Marcel Duchamp fu il teorico del Dadaismo e anche l'autore delle opere più scandalose del tempo, che non proponevano verità nuove, ma si impegnavano a dichiarare l'assurdità del presente. Egli dichiarò che nell'opera d'arte non ha valore l'abilità tecnica di realizzazione, ma soltanto l'ideazione: l'artista può creare anche soltanto accostando oggetti di uso quotidiano perchè ciò che conta è l'originalità dell'accostamento progettato dall'autore. Nacque così la tecnica del Ready made (tra i più noti ricodiamo, Ruota di bicicletta, Fontana) che Duchamp utilizzò con una originalissima dose di ironia.

Dalí Duchamp

Marcel Duchamp, The King and Queen Surrounded by Swift Nudes (verso with Paradise: Adam and Eve), 1912 Oil on canvas, 126.4 x 140.3 cm Philadelphia Museum of Art 

Salvador Dalì fu invece uno degli artisti più importanti del Surrealismo, movimento nato nel 1924 che coinvolse non solo la pittura e la scultura ma anche la letteratura, la poesia, il teatro e il cinema. I Surrealisti affermavano la centralità dell'inconscio dell'uomo seguendo le teorie di Sigmund Freud, fondatore della psicoanalisi. Essi hanno dato valore a tutto ciò che appare incomprensibile e 'sur-reale', rispetto alla realtà normale. L'arte dunque deve valorizzare il sogno, la visione, l'allucinazione e la memoria, visti come realtà parallele a quella rassicurante di ogni giorno.

Dalí Duchamp

Salvador Dalì, The First Days of Spring, 1929 Oil and collage (paper, photograph, postcard, linoleum, transfer decal) on wood panel, 50.2 x 65.1 cm  - Collection of the Dali Museum, St. Petersburg, Florida

La mostra, organizzata dalla Royal Academy of Arts e dal Dalí Museum, di St Petersburg, Florida, in collaborazione con il Gala-Salvador Dalí Foundation e l'Association Marcel Ducham, comprende oltre 80 opere realizzate da entrambi gli artisti in diversi periodi della loro straordinaria carriera. Tra queste sono presenti alcuni dei capolavori (noti in tutto il mondo) più ispirati e tecnicamente meglio riusciti di Dalì come 'Apparition of Face and Fruit Dish on a Beach' (1938) e 'Les premiers jours du printemps (The First Days of Spring)' (1929) accanto agli 'assemblaggi' e ai Ready Made più noti e irriverenti di Duchamp, come 'Fountain' (1917), L.H.O.O.Q (1919) e 'The Bride Stripped Bare by Her Bachelors, Even (The Large Glass)', 1915–23. Sono esposte anche opere minori, meno famose, che non erano mai state viste in Gran Bretagna precedentemente: fotografie di Dalí, dipinti di Duchamp, lettere e documenti che testimoniano la stretta collaborazioni tra i due artisti.

Organizzata e presentata come una conversazione che si svolge attraverso l'arte, la mostra è uno dei più importanti eventi di Londra di questo periodo ed offre chiavi di lettura alternative rispetto alla ricca storiografia e bibliografia esistente e nuovi modi di approcciarsi all'opera dei due artisti, rivisitando e reinterpretando molti luoghi comuni e teorie della storia dell'arte del XX secolo. Partendo da un'incredibile e poco nota amicizia i curatori offrono al pubblico una diversa prospettiva e un nuovo modo di osservare, leggere e interpretare l'opera di due menti geniali, inventive, dinamiche e irriverenti.

Dalì / Duchamp

Fino al 3 gennaio 2018

Aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00 (ultimo ingresso 17.30)
Venerdì e Sabato fino alle 22.00 (ultimo ingresso 21.30)

Biglietto adulti £16.50 (£15.00 senza donazione)

Royal Academy of Arts

Weston Galleries, Burlington House
Piccadilly, Londra W1J 0BD

Vincenzo Sebastiano
Questo articolo è stato scritto per Qui londra da:
Vincenzo Sebastiano
Giornalista, storico dell'arte, architetto