contentmap_module
5 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00

ArcelorMittal Orbit

La ArcelorMittal Orbit è la più alta scultura in acciaio esistente nel Regno Unito, opera dello scultore Anish Kapoor. Si trova a London Stratford all'interno del Queen Elisabeth Olimpic Park.

Deve il suo nome alla più grande società siderurgica mondiale, la ArcelorMittal appunto, che contribuendo economicamente per oltre l'80% della spesa, alla sua realizzazione, può considerarsi la madrina dell'opera. Durante le fasi della progettazione, l'ArcelorMittal fu al centro di numerose polemiche, ma l'intraprendente Sindaco di Londra, Boris Johnson, ha sempre dichiarato di nutrire grandi aspettative su questa colossale opera scultorea, nata per rappresentare i Giochi Olimpici del 2012 nonché l'enorme opera di rigenerazione urbana di questa zona povera di Londra.

Queen Elisabeth Olimpic Park

Oggi forse si incominciano ad intravedere le sue ragioni, soprattutto adesso che il mega stadio olimpico è stato ridimensionato a più modeste misure, così che quello che spicca sul panorama del nuovo parco pubblico è proprio la stravagante e sinuosa struttura in acciaio, dipinto di un rosso sgargiante. Forse non diventerà un'icona di Londra come il London Eye, ma è sicuramente il simbolo di quello che è votato ad essere un parco dinamico, il primo per Londra inteso non solo come un'area verde e tranquilla, ma anche uno spazio per molte attività legate allo sport. A dimostrarlo è proprio la Orbital stessa con l'annuncio di un nuovo ed emozionante utilizzo dell'attrazione, il cui lancio è previsto nel 2015. In pratica, sarà possibile scalarla esternamente in cordata doppia. Solo per i più temerari!!

La scultura è la più alta del Regno Unito. Un balzo di 80mt con l'ascensore veloce per raggiungere la piattaforma più alta, mentre sono 114,5 i metri di altezza totale.

Orbit Londra

Due piani disponibili; entrambi offrono una vista spettacolare e strumenti interattivi di ultima generazione per apprezzare meglio il panorama e riconoscerne gli edifici che spiccano nello skyline circostante. Ci sono anche degli spazi esterni che, pur essendo completamente avvolti da reti di protezione, fanno dell'impatto con l'altezza un'emozione. La rete, a maglie sufficientemente larghe, permette una buona visuale e anche di fare foto senza ostacoli. Volendo si può scendere al secondo livello tramite le scale a chiocciola. Le stesse che portano fino in fondo girando intorno alla struttura, in alternativa all'ascensore. Considerate che sono oltre 400 gradini di acciaio e per quanto sufficientemente comodi, essendo chiusi come una gabbia a rete fitta, non permettono  la visuale pulita e forse non meritano la fatica e la sensazione di vertigine per giungere alla base.



Il prezzo del biglietto per quanto non di certo economico è in linea con quello dello Shard e del London Eye, i quali offrono la vista proprio sulla città, mentre qui i simboli di Londra sono lontani e il colpo d'occhio maggiore si ha sul Queen Elizabeth Olympic Park e su una zona ancora sconosciuta ai più con simboli quali la Greenway, il Regent's Canal, il fiume Lee, Stratford Station e il Victoria Park per esercitare un vero e proprio interesse nel vasto pubblico. E' possibile avere qualche sconto sul prezzo intero; l'attrazione infatti è compresa nel London Pass e nelle offerte della Days Out 2x1. In un futuro non troppo lontano, quando toglieranno le transenne e tutte le gru e il verde sarà libero di espandersi, allora questo immenso parco potrà offrire un bel panorama! In più il contorno della visone a 360 gradi della città che, se pur lontana, è sempre uno spettacolo da vedere, soprattutto se a far da cornice sono le luci di un tramonto o di una bella giornata limpida.

L'Orbit al Parco Olimpico di Londra

In attesa che trovino il modo per creare un ristorante panoramico in una delle piattaforme superiori, c'è un punto di ristoro proprio alla base della struttura dove poter consumare dallo spuntino ad un pasto completo. L'inevitabile shop offre tutta una pletora di merchandise a tema. Sia ristorante che negozio praticano uno sconto del 5% esibendo il biglietto d'ingresso all'Orbital.

contentmap_plugin
Cristina Colomba
Questo articolo è stato scritto per Qui londra da:
Cristina Colomba
Blogger #UnafinestrasuLondra

Cosa vedere vicino all'ArcelorMittal Orbit