1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Primo fine settimana di apertura e già si può preconizzare il successo della nuova entrata tra gli stand fissi del super trendy Netil Market: una pizzeria. Con il  poco spazio a disposizione all'interno del recinto del mercato, un gruppo di giovani inglesi, con un'alzata d'ingegno, hanno creato, in meno di 2mq, una zona per la produzione con piano di lavoro,  forno e deposito  e una zona pranzo per i clienti poter consumare la pizza al tavolo. Dove? Sul tetto ovviamente!

Top Shelf, la pizzeria più piccola del mondo

6 posti a sedere, 8 se ci si mette con la buona volontà e ci si stringe, su quello che un cartello al di fuori di Netil Market definisce: roof garden.

Ed in effetti lo è anche se le dimensioni sono quelle di una vasca idromassaggio. Più che un piano un ripiano, tanto da aver suggerito il nome di Top Shelf che significa, appunto,  ripiano superiore.

Top Shelf a Netil  Market offre una discreta varietà di gusti: dalla classiche pizze Napoletana e Margherita, alla Fiorentina o la specialità della casa con fichi e prosciutto crudo. Gli ingredienti sul banco di lavoro sono quelli classici di tutte le pizzerie: farina, passata di pomodoro, acciughe;  ma, a differenza di tanti altri locali del genere, il pizzaiolo e tutto il personale sono inglesi.

Il risultato? Più che soddisfacente. Una pizza dal bordo alto e morbido con la base sottile e ben cotta. I prezzi sono leggermente più contenuti rispetto alle pizzerie della zona.



La divertente esperienza sul tetto è da provare. Da questo affaccio privilegiato, si osserva indisturbati l'attività nel microcosmo del piccolo mercato di Netil, nato per offrire uno spazio meno affollato e più rilassato rispetto all'esuberanza del vicino Broadway Market.

Top Shelf si avvia a diventare un punto di riferimento per i giovani della zona che sono già accorsi in tanti a provare la pizza sul tetto.

Al momento il locale è aperto dal giovedì alla domenica a pranzo.

Indirizzo:

Top Shelf
Netil Market  23 Westgate St, London E8

.


Antonella Sciortino Testo e immagini di Antonella Sciortino

#Londradaybyday