Covid, UK: linee guida per la riapertura delle attività in Inghilterra

  • Scritto da Dora Bortoluzzi,
    01 Marzo 2021

Il governo britannico ha pubblicato le nuove linee guida per la riapertura delle attività in Inghilterra a seguito dell'annuncio del premier Boris Johnson relativo al piano elaborato per portare il Paese di nuovo alla normalità.

Il programma è stato strutturato in 4 fasi ed inizierà con la seconda settimana di marzo.

Fase 1

Dall'8 marzo
Le attività commerciali autorizzate rimangono le stesse attualmente consentite.

Dal 29 marzo
Gruppi di sei persone o con membri di massimo di due famiglie diverse, potranno accedere a strutture sportive all'aperto come: palestre, piscine, campi sportivi (come campi da tennis e basket), campi da golf, incluso mini golf, impianti per sport acquatici, pareti da arrampicata, campi di guida e di tiro, centri di equitazione, luoghi di tiro con l'arco.

Fase 2

Dal 12 aprile
In questa fase i luoghi devono essere frequentati ed utilizzati solo in linea con i più ampi limiti di contatto sociale, come una singola famiglia o una bolla sociale nei luoghi al chiuso, mentre all'aperto possono accedervi gruppi di sei persone o due famiglie.

Riaprono gli alloggi per vacanze indipendenti.

È consentito l'accesso e la vendita di alcolici da asporto nelle aree all'aperto delle strutture relative al settore dell'hospitality, come caffè, ristoranti, bar, pub e club sociali. Questi luoghi possono consentire ai clienti l'utilizzo dei servizi igienici situati all'interno. In tutti i locali che servono alcolici, i clienti dovranno ordinare, essere serviti e consumare le proprie bevande e pietanze restando seduti al tavolo.

Possono riaprire le attrazioni all'aperto come i parchi avventura, zoo, parchi safari e acquari, e poi cinema, teatri e altri spettacoli, studi cinematografici, luna park e fiere, villaggi modello, musei e gallerie, piste di pattinaggio, parchi a tema e parchi acquatici.
Le attività commerciali autorizzate che operano in attrazioni altrimenti chiuse, come un negozio di souvenir o un chiosco da asporto in un museo, possono aprire solo se sono unità autonome ed è possibile accedervi direttamente dalla strada.

È possibile organizzare riunioni o eventi all'aperto gestiti da aziende, ent di beneficenza, enti pubblici o organizzazioni simili, a condizione che rispettino le regole di sicurezza anti Covid, inclusa l'adozione di misure ragionevoli per limitare il rischio di trasmissione ed assicurarsi che i partecipanti non si mescolino oltre quanto consentito dai limiti del contatto sociale.

Gli eventi al chiuso che riuniscono le persone, anche se non si mescolano con altre famiglie, non devono svolgersi fino alla fase 3. Tuttavia, a questo punto, i funerali possono continuare a svolgersi con un massimo di 30 partecipanti. Matrimoni, ricevimenti ed eventi commemorativi, comprese le veglie, potranno svolgersi con un massimo di 15 partecipanti.

Possono riaprire strutture per la cura personale e servizi a stretto contatto, inclusi parrucchieri, saloni di bellezza e unghie, spa e centri massaggi, ad eccezione di bagni turchi e saune, terapia olistica, compresi agopuntura, omeopatia e riflessologia.

Riaprono le strutture sportive e ricreative al coperto, comprese palestre e centri ricreativi, campi sportivi, piscine, studi di danza e centri fitness, poligoni di guida e di tiro, arene di equitazione, centri di tiro con l'arco, centri di pareti di arrampicata.

Fase 3

Dal 17 maggio
In questa fase le sedi devono essere frequentate ed utilizzate solo in linea con i più ampi limiti di contatto sociale, in gruppi di sei persone o due famiglie, nei luoghi al chiuso, mentre all'aperto i gruppi potranno essere di massimo 30 persone.

Possono riaprire i restanti alloggi per le vacanze rimasti chiusi fino a questo momento.

Le aree interne dei locali possono riaprire con l'obbligo del servizio al tavolo.

L'intrattenimento al coperto e le attrazioni per i visitatori possono riaprire, inclusi cinema, teatri, sale da concerto, musei e gallerie, parchi giochi e attività avventurose, sale giochi e centri di gioco per adulti, sale bingo, casinò, piste da bowling, piste di pattinaggio, giochi, attività ricreative e di intrattenimento come come escape room e laser quest, aree di gioco, inclusi centri di soft play e parchi gonfiabili, villaggi modello, sale da biliardo, parchi acquatici, attrazioni per visitatori al coperto in parchi a tema e studi cinematografici, attrazioni al coperto negli zoo, parchi safari, acquari e altre attrazioni di animali, attrazioni al coperto in giardini botanici, serre, attrazioni al coperto in parchi di sculture, attrazioni al coperto in punti di riferimento tra cui ruote di osservazione o piattaforme di osservazione, attrazioni al coperto in case signorili o storiche, castelli o altri siti del patrimonio , centri congressi e padiglioni, anche ai fini di eventi aziendali, soggetti ai limiti di capacità di seguito indicati.

Sono consentiti anche altri eventi di intrattenimento all'aperto, come cinema, teatri e altri eventi di spettacolo.

Gli spettatori sono ammessi a eventi sportivi d'élite ed eventi di spettacolo. La partecipazione a questi eventi è limitata al 50% della capacità fino a 1.000 persone per eventi al chiuso e al 50% della capacità fino a 4.000 persone per eventi all'aperto. Per gli eventi all'aperto che si svolgono in sedi con una capacità di oltre 16.000 posti a sedere, gli organizzatori di eventi possono applicare un limite di capacità del 25%, fino a un massimo di 10.000 persone sedute.

Fase 4

Dal 21 giugno
La speranza in questa fase è di riaprire le strutture rimanenti come i nightclub e i luoghi di intrattenimento per adulti, rimuovendo tutte le varie restrizioni imposte fino a questo momento.

Per leggere questa ed altre notizie su Londra e Regno Unito scarica COMPLITALY, MILLE SOLUZIONI IN UN'UNICA APP, da adesso disponibile per Apple ed Android: scaricala subito!

scarica android scarica apple