Covid, UK: i passaporti sanitari permetterebbero ai britannici di andare in vacanza

DB Dora Bortoluzzi Updated
Covid, UK: i passaporti sanitari permetterebbero ai britannici di andare in vacanza

I ministri sono "sempre più ottimisti" riguardo alla possibilità di permettere ai britannici di andare in vacanza quest'estate, in quanto stanno valutando l'introduzione di passaporti sanitari per chi è stato vaccinato, riconosciuti a livello internazionale.

Tuttavia, una fonte del governo ha dichiarato che è "troppo presto per dire" se i britannici possono già iniziare a pianificare soggiorni all'estero, in quanto tutto dipende dall'efficacia programma di vaccinazioni.

Nel frattempo, i turisti che sono stati vaccinati potrebbero recarsi quest'estate in Grecia senza doversi sottoporre a test per il coronavirus. Il Paese si unisce alla Spagna nell'offrire speranza ai turisti britannici che potrebbero viaggiare con meno restrizioni di viaggio dopo essere stati vaccinati. 

Il ministro del turismo greco Haris Theoharis ha dichiarato: "Sono in corso discussioni tecniche con il Regno Unito per vedere se ciò sarà fattibile. Sono molto fiducioso che riusciremo raggiungere un qualche tipo di soluzione. Non vogliamo limitare i viaggi a coloro che sono stati vaccinati, ovviamente. Un certificato di vaccino permetterebbe di entrare in Grecia senza essere costretti a fornire un test negativo e senza alcuna restrizione di quarantena e abbiamo intenzione di seguire quella strada. Per coloro che non sono stati vaccinati lo scenario più probabile è che chiederemo una sorta di test negativo: vogliamo che sia il più semplice possibile per loro viaggiare in Grecia".

Gli amministratori delegati di British Airways, EasyJet, Jet2.com, Loganair, Ryanair, Tui e Virgin Atlantic hanno affermato che il Regno Unito dovrà affrontare un anno di connettività limitata con il resto del mondo se non verranno date informazioni chiare relative all'uscita del lockdown e alla ripresa dei viaggi internazionali, le quali aiuterebbero le compagnie aeree ed i consumatori a pianificare l'estate e a ripartire con i viaggi internazionali in piena sicurezza.

Tim Alderslade, amministratore delegato di Airlines UK, ha dichiarato: "Il Primo Ministro deve indicare l'intenzione di consentire i viaggi internazionali quest'estate e fornire la necessaria rassicurazione, contribuendo a ripristinare la fiducia dei consumatori. Non ci aspettiamo che le restrizioni sui viaggi vengano revocate domani, ma è importante che il Paese abbia una visione chiara del piano relativo ai viaggi internazionali per quando usciremo dal lockdown. Ci aspettiamo che ogni altro settore economico nazionale, dall'hospitality, alla vendita al dettaglio e al tempo libero, abbia una road map annunciata, così come i viaggi aerei".

David Burling, di TUI Group, ha dichiarato: "Riteniamo che ci sia un modo sicuro per riprendere i viaggi internazionali eliminando le restrizioni di viaggio".

Sean Doyle, amministratore delegato di British Airways, ha dichiarato: "L'industria dell'aviazione è con il governo nel mettere la salute pubblica al primo posto, ma il futuro dell'economia britannica e il lavoro di centinaia di migliaia di persone sono a rischio senza un piano sensato e strutturato per riavviare in sicurezza i viaggi internazionali nei prossimi mesi".

Il segretario ai trasporti Grant Shapps ha dichiarato la scorsa settimana che, fino a quando tutti i cittadini del Regno Unito non saranno vaccinati, non è possibile garantire che le vacanze avverranno in maniera normale.