5 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00

Un appuntamento imperdibile al Natural History Museum per tutti gli appassionati ed esperti di fauna marina e in particolar modo di Balene. Fino al 28 Febbraio 2018.

Mostra Balene Londra

Thames whale skeleton, Hyperoodon ampullatus © Trustees of the NHM, London

Dopo la partenza di Dippy il dinosauro, che fino a poco tempo fa accoglieva il pubblico del museo, e l'arrivo di Hope, come è stata ribattezzata la balena azzurra il cui grande scheletro domina la Hintze Hall, il Natural History Museum presenta Whales: Beneath the Surface, interessante mostra interattiva per l'intera famiglia dedicata all'affascinante mondo dei mammiferi più grandi mai esistiti sulla faccia della terra, in tutti i tempi, compresi quelli preistorici. I Cetacei sono un gruppo di mammiferi euteri, completamente adattatisi alla vita acquatica. Presentano un corpo fusiforme, simile a quello dei pesci, che assicura loro una maggiore idrodinamicità. Le specie sono suddivise in due sottordini: Mysticeti ed Odontoceti. Tra i Mysticeti si troviamo le balene (la balenottera azzurra è il più grande animale oggi presente sulla Terra): tra gli Odontoceti, invece, si trovano i delfini e le orche.



I curatori e gli studiosi che hanno collaborato all'allestimento dell'esibizione mostrano al pubblico in modo chiaro e intuitivo i differenti modi in cui le balene, ma anche i delfini e le focene (piccoli cetacei Odontoceti della famiglia delle Phocoenidae, simili ai delfini) si siano evoluti e adattati alle condizioni climatiche e abitative negli ambienti subacquei in diverse aree del globo terrestre e di come tali mammiferi siano in fondo molto simili a noi in diversi aspetti della loro vita. Si tratta di un vero e proprio viaggio temporale che copre oltre 50 milioni di anni: dai primi passi dell'evoluzione della balena, fino ai nostri giorni.

Whales: Beneath the Surface

Selection of whale skulls © Trustees of the NHM, London

Più di 100 esemplari della collezione permanente del museo sono esposti insieme per la prima volta: dalla colossale Balena Blu ad un piccolo esempio di harbour porpoise di colore rosso-violaceo. Dal punto di vista didascalico e comunicativo la mostra è ben organizzata con pannelli informativi chiari e grandi che offrono una panoramica dettagliata su ciascuna delle sezioni in cui è suddivisa. Lungo i vari percorsi dell'esibizione sono disponibili numerose stazioni interattive con informazioni, fotografie, video e bellissime illustrazioni realizzate dai ricercatori del museo. Le informazioni fornite mostrano le diverse caratteristiche di questi giganteschi mammiferi del mare: il loro carattere sereno e pacifico, il modo di socializzare e di comunicare anche su grandi distanze, durante i lunghissimi viaggi che compiono ogni anno e che possono raggiungere anche migliaia di km.

Il percorso espositivo della mostra si articola in differenti sezioni tematiche che includono informazioni e reperti su:

  • scheletri reali pieni che rivelano come le balene siano in grado di nuotare così agilmente nonostante l'enorme mole
  • alcuni esempi di crani, incluso quello di una balena gialla, che mostrano il modo in cui i cetacei si nutrono, sentono e comunicano;
  • organi vitali (polmoni, reni, stomaco, apparato riproduttivo) per comprendere il modo in cui le balene respirano, digeriscono il cibo e si riproducono
  • alcune specie di deflini blu
  • video e dimostrazioni che mostrano il modo in cui alcune balene, delfini e focene siano in grado di catturare le proprie prede con il solo uso del suono
  • la possibilità di confrontare la propria mano con le pinne di alcuni esempi di balene o delfini

Una mostra per l'intera famiglia, perfetta per i più piccoli ma interessante anche per gli adulti che potranno imparare molto grazie a interessanti postazioni di approfondimento che forniscono informazioni scientifiche più dettagliate e complete.

Whales: Beneath the Surface

Fino al 28 febbraio 2018

Aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 17.50
(Venerdì fino alle 21.00)

Biglietto adulti £ 11.50

Natural History Museum

Cromwell Rd
London SW7 5BD

Vincenzo Sebastiano
Questo articolo è stato scritto per Qui londra da:
Vincenzo Sebastiano
Giornalista, storico dell'arte, architetto