The Clash: London Calling

VS Vincenzo Sebastiano Updated

Aperta al Museum of London l'attesissima mostra nel quarantennale della pubblicazione del famoso album dei Clash: London Calling! La mostra, gratuita, resterà aperta fino al 19 aprile 2020: vedi la galleria con le immagini in questa pagina!

Mostra The Clash: London Calling

The Clash. At the London Calling video shoot, on the River Thames, 1979 © Pennie Smith

Una vera e propria glorificazione della band rivoluzionaria e di un album importante che ha scosso la scena musicale internazionale, fungendo da inno per Londra, per i londinesi e per tutti gli amanti della musica in tutto il mondo.

London Calling è il titolo dell'album doppio dei Clash uscito nel 1979, con il quale il gruppo si impose anche negli Stati Uniti. E' composto da 19 brani, scritti ed arrangiati da Joe Strummer e Mick Jones, tranne The Guns of Brixton di Paul Simonon, Brand New Cadillac di Vince Taylor e Revolution Rock di Jack Edward e Danny Ray. Il disco presenta una notevole complessità compositiva e mescolanza dei generi: sono certamente presenti brani che si possono considerare ancora punk, ma vi sono anche pezzi ska, come Wrong'em Boyo, brani pop come Lost in the Supermarket; altri generi in cui spazia l'album sono il reggae, il rockabilly, il rhythm and blues, il jazz.

London Calling è stato ed è un melting pot estremamente avvincente di stili musicali, guidato da una passione per l'azione e un forte desiderio di giustizia sociale. La musica e i testi dell'album rimangono rilevanti ed attuali ancora oggi così come lo erano negli anni Ottanta. London Calling compare nella lista dei 500 migliori album secondo Rolling Stone da cui è considerato come il migliore album degli anni Ottanta, pur essendo uscito nel dicembre 1979. Con oltre due milioni di copie vendute nel mondo, l'album è stato premiato con il disco di platino nel Regno Unito, oltre che negli Stati Uniti, dando una notorietà a livello mondiale al gruppo.

La mostra The Clash: London Calling ripercorre cronologicamente le tappe che hanno portato all'uscita dell'album nel 1979: sono esposti oltre 200 oggetti, molti del quali mai visti in precedenza, fra cui testi manoscritti inediti, oggetti personali dei cantanti, strumenti musicali, lettere, disegni originali, parti di scenografia e tanto altro materiale relativo a ogni aspetto della vita del gruppo. Oltre a mostrare le influenze e gli stili musicali che hanno determinato il carattere e i temi della scrittura e della registrazione del doppio album, i curatori hanno approfondito anche il peso fondamentale che la città e la cultura storico-sociale di Londra hanno avuto nella composizione di London Colling grazie al quale i Clash sono diventati una delle band britanniche più popolari del XX secolo.

Tra i reperti esposti si segnalano numerosi oggetti usati sul palco, immagini, fotografie, video, testi e ricordi della storia della band; tra questi ricordiamo: la Fender Precision Bass di Paul Simonon, distrutta sul palco del Palladium di New York City il 21 settembre 1979; l'album scritto a mano da Mick Jones con le note e le melodie; un quaderno di Joe Strummer risalente proprio al periodo in cui l'album London Calling è stato provato e registrato; la macchina da scrivere che Joe Strummer era solito usare per documentare idee, testi, melodie e altri scritti. I curatori hanno cercato di fornire aspetti inusuali e originali dell'opera della band, ripercorrendo le tappe principali del percorso artistico e musicale che ha portato all'uscita di uno dei capolvori assoluti della musica britannica, un album che rappresenta la quintessenza dell'essere, vivere e pensare da londinesi. In coincidenza con l'apertura della mostra, la Sony Music ha pubblicato il London Calling Scrapbook, un volme di 120 pagine con copertina rigida che viene venduto con l'album e che contiene testi scritti a mano, note, foto e materiale inedito relativo all'album.

Informazioni Evento

The Clash: London Calling
Dal
15 Novembre 2019
Fino al
19 Aprile 2020
Apertura tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00
Ingresso gratuito
Vincenzo Sebastiano
Questo articolo è stato scritto per Qui londra da:
Vincenzo Sebastiano
Giornalista, storico dell'arte, architetto

Immagini

The Clash. At the London Calling video shoot, on the River Thames, 1979  © Pennie Smith
The Clash © Pennie Smith
Handwritten album sequence note by Mick Jones Further info: Handwritten list of songs, placed here in correct order for the 4 sides of the double album London Calling. © The Clash
The Clash on stage © Pennie Smith
The Clash: Outside Wessex Studios during the recording of London Calling 1979 © Pennie Smith
Ray Lowry Sketch Book from Clash Tour © Samuel Lowry
A preliminary sketch by Ray Lowry for the cover artwork of the 1979 album London Calling by the clash, circa September 1979.	© Samuel Lowry
A lyric fragment in Joe Strummer's handwriting for the song Lost in the Supermarket.  The four lines in black ink on the reverse of an Ernie Ball Custom Gauge Strings paper envelope, the lyrics representing the chorus of the song. © Casbah Productions Ltd
The 1950S Fender Esquire used by Joe Strummer during the recording of the ‘London Calling’ album and on stage for various live and televised performances between 1979-1981. © Lola and Jazz Mellor
Ticket for the New York Palladium, 20 September 1979 Paul smashed his bass on stage at this show. © Casbah Productions Ltd
Simonon’s Fender Precision Bass was damaged on stage at The Palladium in New York City on 21st September 1979, as Simonon smashed it on the floor in an act of spontaneous and complete frustration. © The Clash
A set of working lyrics in Joe Strummer and Mick Jones' handwriting for the song The Card Cheat, 1979.  The Card Cheat was released on the London Calling album in 1979. It features approximately 24 lines in blue pencil and red ink on white notepaper, with
Guitar Case with Capitol Theatre backstage sticker.© The Clash
Paul Simonon’s hand sketched design for stage wear for tour © The Clash
The Clash London Calling_O20
A 1950S GIBSON ES-295 with a white finish inside a hardshell contour case with orange plush lining. The guitar was used by Mick Jones during recording of the London Calling album and in the music video for the title track of the album, released as a singl
A 1950S GIBSON ES-295 with a white finish inside a hardshell contour case with orange plush lining. The guitar was used by Mick Jones during recording of the London Calling album and in the music video for the title track of the album, released as a singl
White shirt and leather jacket worn by The Clash  © The Clash
Lords of Flatbush leather jacket worn by Paul Simonon circa 1979.  © The Clash
Lords of Flatbush leather jacket worn by Paul Simonon circa 1979.  © The Clash
Shirt worn on stage by Mick Jones during a performance by The Clash at the Agora Ballroom, Atlanta, 2 October 1979. Pictured in a photograph by Pennie Smith featured on the back cover of the 1979 album London Calling. © The Clash

Altre mostre in corso a Londra

Nicolaes Maes: Dutch Master of the Golden Age
La National Gallery di Londra presenta un'imperdibile mostra gratuita dedicata al lavoro del pittore olandese Nicolaes Maes, tra i più rappresentativi interpreti della pittura di genere olandese...
Léon Spilliaert
La Royal Academy of Arts di Londra presenta la prima grande retrospettiva dedicata al lavoro di uno dei più importanti artisti simbolisti belgi della fine dell'Ottocento: Léon Spilliaert. Fino a...
Love, Desire, Death: la mostra di Tiziano alla National Gallery
L'8 luglio apre finalmente i battenti la bellissima retrospettiva dedicata all’opera di uno degli artisti più talentuosi, originali e innovatori del XVI secolo, simbolo della pittura veneziana d...
Steve McQueen Year 3 - Tate Britain
Alla Tate Britain la mostra dedicata all'originale progetto fotografico di uno dei più importanti artisti britannici contemporanei: Steve McQueen. Fino al 31 gennaio 2021