1 1 1 1 1 Rating 5.00

E' l'artista britannica Anthea Hamilton ad essere stata selezionata per la Tate Britain Commission 2018: le sue opere resteranno esposte nelle Duveen Galleries della Tate Britain fino al 14 Ottobre 2018.

Anthea Hamilton

Portrait of Anthea Hamilton © Valerie Sadoun

La mostra, gratuita, rientra nel programma della Tate Britain Commission 2018, sostenuto e sponsorizzato da Sotheby's: ogni anno è allestita da un artista britannico diverso ed è ospitata nelle tre maestose sale in stile neoclassico nel cuore della Tate Britain chiamate Duveen Galleries che rappresentano le prime gallerie espositive pubbliche inglesi, specificamente progettate per accogliere mostre e sculture. L'evento è considerato uno dei momenti culturali più importanti e innovativi della stagione estiva. Quest'anno è stato affidato all'artista di Anthea Hamilton, tra i finalisti del Turner Prize 2016. Tra gli artisti che negli anni precedenti sono stati selezionati per esporre per questo importante evento ricordiamo: Cerith Wyn Evans (2017), Phyllida Barlow (2014), Fiona Banner (2010), Martin Creed (2008), Mark Wallinger (2007) e Mona Hatoum (2000).

Tate Britain Commission

ANTHEA HAMILTON REIMAGINES KETTLE’S YARD 2016 Installation view, The Hepworth Wakefield Courtesy the artist, Kettle’s Yard and The Hepworth Wakefield. Photo: Stuart Whipps

La Tate Britain Commission è nota per essere una piattaforma artistica ineguagliabile nel proporre progetti contemporanei fortemente innovativi. Mai come quest'anno i curatori sono particolarmente entusiasti nel presentare l'ambizioso progetto realizzato da Anthea Hamilton; esso è stato fortemente ispirato dai grandiosi ambienti delle gallerie Duveen (in cui si svolge) e dal forte interesse dell'artista per la rielaborazione di immagini popolari ed iconiche che continuamente vengono proposte dai media e dai moderni social network.

Anthea Hamilton (1978), già nota da alcuni anni al grande pubblico, è riuscita ad affermarsi sulla scena artistica britannica e internazionale grazie ad opere audaci e spesso umoristiche che incorporano riferimenti provenienti dal mondo dell'arte, del design, della moda e della cultura popolare. I suoi lavori, di grande effetto scenico e quasi sempre di notevoli dimensioni, sono spesso sarcastici e pungenti e vagano tra il kitsch e il surreale. Per realizzare le sue sculture (qui esposte) utilizza la pietra ma anche materiali industriali, gesso, intonaci, calcestruzzo, gomma, metallo e resine. Le sue opere rappresentano corpi umani, animali ma anche oggetti, capi di abbigliamento, fotografie che stravolge e ripropone in contesti e forme diverse, mettendone in discussione funzione, utilità ed estetica. Ha esposto molto spesso in recenti installazioni site-specific su larga scala, incluso il noto spettacolo Turner Prize Lichen! Libido! Chastity! allo Sculpture Center di New York, rimesso in scena alla Tate Britain nel 2016, e 'Anthea Hamilton Reimagines Kettle's Yard' al The Hepworth Wakefield.

Mostra Anthea Hamilton

KARASUTRA (AFTER MARIO BELLINI) 2016 Frieze Projects New York, performed with Broken Box Mime Theatre Courtesy the artist and Frieze Projects Photo: Timothy Schenck

Il grande progetto espositivo di Anthea Hamilton occupa interamente le Duveen Galleries trasformando il cuore della Tate Britain in un'installazione straordinaria che unisce scultura e performance in uno spettacolo di notevole impatto per chiunque entri nel celebre museo londinese.

Tate Britain Commission 2018:
Anthea Hamilton

Fino al 14 Ottobre 2018

Aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00

Ingresso gratuito

Tate Britain

Millbank, London SW1P 4RG

Vincenzo Sebastiano
Questo articolo è stato scritto per Qui londra da:
Vincenzo Sebastiano
Giornalista, storico dell'arte, architetto