Tantra. Enlightenment to revolution

VS Vincenzo Sebastiano Updated

Dopo la riapertura al pubblico, avvenuta a fine agosto, il British Museum riprende finalmente con la programmazione delle mostre temporanee: la prima è dedicata alle dottrine tantriche e alle pratiche millenarie ad esse collegate, che hanno influenzato, per secoli, tutti i grandi sistemi religiosi dell'India (e non solo). Dal 24 Settembre 2020 fino al 24 Gennaio 2021.

Mostra Tantra Londra

Ramprasad Sen and the goddess Kali, signed P. Chakraborty, Bengal, India, 20th century. © The Trustees of the British Museum

Il Tantra è un indirizzo di pensiero volto all'espansione dell'ordinario stato di coscienza. Nasce in India tra il VI ed il VIII secolo d.C. ed è presente nell'Induismo, nel Buddhismo e nello Jainismo; come componente del Buddhismo lo troviamo anche fuori dall'India, soprattutto in Tibet, in Cina e in Giappone . Tantra è un termine sanscrito che significa 'telaio' o 'ordito' ma che viene tradotto anche come 'principio', 'essenza', 'sistema', 'dottrina', 'tecnica'; esso indica sia un insieme di testi dalla non univoca classificazione, sia un complesso insieme di insegnamenti spirituali e tradizioni esoteriche originatesi nelle culture religiose indiane con varianti induiste, buddhiste, giainiste e bönpo, con diramazioni diffuse in Tibet, Cina, Corea, Giappone, Indonesia e molte altre aree dell'Estremo Oriente. Per riferirsi ai diversi insiemi di tradizioni e culture è spesso adoperato come sinonimo anche il termine di Tantrismo. Nato come dottrina Filosofica nel VI secolo a.C. nell'India medievale, il Tantrismo è stato collegato nel corso dei secoli a numerose ondate di pensiero rivoluzionario, dalle trasformazioni dell'Induismo e del Buddismo, alla lotta indiana per l'indipendenza, fino all'ascesa della Controcultura degli anni '60 del Novecento. Incentrato sul potere della divina energia femminile, il Tantra, sin dalle sue origini, ha ispirato una forte ascesa del culto delle divinità femminili nell'India medievale e tuttora continua a influenzare il pensiero femminista contemporaneo e le pratiche artistiche ad esso collegate, sfidando ovunque norme e convenzioni politiche, sociali e sessuali. La mostra al British Museum intende esplorare la forza radicale delle dottrine tantriche e le modalità in cui esse siano riuscite a trasformare il panorama religioso, culturale e politico dell'India e di molti altri paesi nel mondo, soprattutto orientali. Elementi di filosofia tantrica possono infatti essere trovati nelle diverse culture asiatiche, ma rimangono in parte ancora sconosciuti, o non compresi correttamente, in Occidente.

La mostra si sviluppa attraverso un percorso espositivo che copre un arco temporale di circa 1500 anni di storia, a partire dal VII secolo d.C. fino a i nostri giorni. E' suddivisa in varie sezioni, ciascuna delle quali pone l'accento su differenti aspetti e periodi storici, esplorando l'evoluzione delle dottrine filosofiche e religiose anche attraverso le decorazioni di oggetti, simulacri, talismani e simboli. I curatori della mostra hanno selezionato una serie di reperti di straordinario valore provenienti dall'India, Nepal, Tibet, Giappone e Regno Unito, che comprendono capolavori di scultura, pittura, stampe e moltissimi oggetti rituali.

Informazioni Evento

Tantra. Enlightenment to revolution
Dal
24 Settembre 2020
Fino al
24 Gennaio 2021
La mostra è aperta dal Lunedì al Giovedì dalle 10.00 alle 17.30
Il Venerdì fino alle 20.30
Sabato e Domenica dalle 9.00 alle 17.30
Biglietto adulti £ 15.00
Prenotazione online obbligatoria
Vincenzo Sebastiano
Questo articolo è stato scritto per Qui londra da:
Vincenzo Sebastiano
Giornalista, storico dell'arte, architetto

Immagini

Ramprasad Sen and the goddess Kali, signed P. Chakraborty, Bengal, India, 20th century. © The Trustees of the British Museum
A woman visiting two Nath yoginis, North India, Mughal, about 1750. © The Trustees of the British Museum
Raktayamari in union with Vajravetali, Tibet, 1500s–1600s. © The Trustees of the British Museum
Print depicting the goddess Kali, Calcutta Art Studio, Kolkata (Bengal, India), about 1885–95. © The Trustees of the British Museum
Painting of the goddess Narodakini, Tibet, 1700–1900. © The Trustees of the British Museum.
Chakrasamvara, Eastern India, 1100s. © The Trustees of the British Museum
Kali striding over Shiva, probably Krishnanagar, Bengal, 1890s. © The Trustees of the British Museum
Sutapa Biswas, Housewives with Steak-Knives, 1985. Medium: oil, acrylics, pencil, collage, white tape on paper on canvas. Dimensions: 2450mm x 2220mm. © Sutapa Biswas. All rights reserved, DACS 2019.
An early ‘Tantra’ from Nepal. © The Syndics of Cambridge University Library
Untitled, Ghulam Rasool Santosh, Delhi, India, 1970s. © The Trustees of the British Museum
Chamunda dancing on a corpse, Madhya Pradesh, Central India, 800s. © The Trustees of the British Museum

Altre mostre in corso a Londra

Per il 200° anniversario della nascita, le maestose sale di Kensington Palace ospitano la mostra dedicata all'infanzia di una delle sovrane più amate e longeve della monarchia bri...
Alla National Gallery la prima grande retrospettiva in UK dedicata alla vita e alle opere di Artemisia Gentileschi, tra le interpreti più rappresentative della pittura caravaggesca italiana del Sei...
L'acclamato gruppo di design italiano Formafantasma protagonista della prima retrospettiva in UK in programma alla Serpentine Sackler Gallery di Londra. La mostra è gratuita.
Alla Tate Britain la mostra dedicata all'originale progetto fotografico di uno dei più importanti artisti britannici contemporanei: Steve McQueen. Fino al 31 gennaio 2021