1 1 1 1 1

La Serpentine Gallery ha presentato anche quest'anno il Pavilion: l'istallazione 2018, visitabile gratuitamente fino al 7 ottobre, è firmata dalla messicana Frida Escobedo.

Serpentine Pavilion 2018

Serpentine Pavilion 2018, designed by Frida Escobedo, Serpentine Gallery, London (15 June – 7 October 2018) © Frida Escobedo, Taller de Arquitectura, Photography © 2018 Iwan Baan.

Ogni anno dal 2000, la Serpentine Gallery commissiona a un noto architetto internazionale (che, al momento dell'invito, non abbia realizzato alcun progetto in UK) la progettazione di un Padiglione estivo temporaneo, il cosidetto Pavilion; esso è esposto al pubblico gratuitamente sul prato del parco, accanto alla Gallery, da Giugno ad Ottobre. Tra i nomi più illustri che hanno realizzato il Pavilion nel passato ricordiamo: Zaha Hadid (2000); Oscar Niemeyer (2003); Alvaro Siza e Eduardo Suoto de Moura (2005); Rem Koolhaas (2006); Frank Gehry (2008); Peter Zumthor (2011); Ai Weiwei and Herzog & de Meuron (2012); Sou Fjumoto (2013); Smiljan Radiċ (2014); Selgascano (2015); Bjarke Ingels (2016), Diébédo Francis Kéré (2017).

Anche nell'estate 2018, chiunque si trovi a passeggiare lungo i bellissimi viali alberati di Kensington Gardens, dopo aver magari visitato Kensington Palace, si imbatterà in una incredibile costruzione architettonica: per il 2018 il progetto del Pavilion è stato assegnato all'architetto messicano Frida Escobedo, la più giovane artista chiamata fino ad ora ad allestire il padiglione.

Serpentine Gallery

Serpentine Pavilion 2018, designed by Frida Escobedo, Serpentine Gallery, London (15 June – 7 October 2018) © Frida Escobedo, Taller de Arquitectura, Photography © 2018 Iwan Baan

Frida Escobedo, celebrata per i suoi progetti dinamici che riattivano e trasformano lo spazio urbano, nonostante la giovane età è ben nota al mondo dell'architettura internazionale: ha partecipato alla Biennale di Venezia nel 2012 nel 2014 (con Herzog & de Meuron), alla Triennale di Lisbona del 2013 e, nel 2016 ha conquistato l'ambitissimo premio di architettura AR Emerging Architecture Award.

Il Serpentine Pavilion 2018 da lei progettato si basa su un sottile gioco di luce, acqua e geometria; la variazione e la molteplicità dei punti di vista attraverso le diverse angolazioni e i riflessi irregolari della luce e l'utilizzo di tecniche tradizionali, (provenienti sia dall'architettura domestica messicana che da quella britannica), riadattate e reinterpretate in chiave contemporanea, sono i due concetti che guidano il progetto per il nuovo Pavilion. La Escobedo ha pensato ad un cortile chiuso composto da due aree rettangolari delimitate da pareti permeabili, che lasciano filtrare la luce: di colore grigio scuro, esse sono realizzate con semplici tegole di cemento e rappresentano una reinterpretazione innovativa della celosia, una tipologia di parete molto ariosa tipica dell'architettura residenziale messicana. I due volumi rettangolari sono disposti sul terreno ad angolo e planimetricamente sono orientati seguendo due direzioni: l'asse della facciata orientale della Serpentine Gallery e l'asse del Meridiano di Greenwich. I materiali di fabbricazione sono tutti britannici e sono stati scelti per i colori scuri e per le superfici strutturate e complesse. La celosia, il tradizionale muro decorativo traforato tipico dell'architettura messicana, che impedisce di essere visti ma permette di vedere e lascia entrare luce e aria, viene qui ricomposta attraverso un reticolo di tegole di cemento sovrapposte che diffondono la vista nel parco, trasformandola, dall'interno, in una vibrante e variopinta sfumatura di immagini nei toni del verde e dell'azzurro. In tal modo i confini tra interno ed esterno sfumano gradualmente, creando una sorta di fusione virtuale tra il padiglione e l'ambiente circostante.

Frida Escobedo

Serpentine Pavilion 2018, designed by Frida Escobedo, Serpentine Gallery, London (15 June – 7 October 2018) © Frida Escobedo, Taller de Arquitectura, Photography © 2018 Iwan Baan

Due elementi riflettenti enfatizzano il movimento della luce e dell'ombra all'interno del padiglione nel corso della giornata: la parte inferiore curva della pensilina a baldacchino dell'ingresso è rivestita con pannelli specchiati mentre una piscina triangolare posizionata nel mezzo del pavimento in cemento definisce il suo confine direttamente sotto il bordo del muro, allineandosi all'asse nord del Meridiano di Greenwich. Così, mentre il sole si muove nel cielo, i diversi e mutevoli riflessi della luce, trasformano l'edificio in una struttura segnatempo, una sorta di moderna meridiana architettonica che scandisce le ore rendendo i visitatori maggiormente consapevoli delle varie fasi della giornata.

Serpentine Pavilion 2018

Fino al 7 Ottobre 2018

Aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00

Ingresso gratuito

Serpentine Gallery

Kensington Gardens
London W2 3XA

Vincenzo Sebastiano
Questo articolo è stato scritto per Qui londra da:
Vincenzo Sebastiano
Giornalista, storico dell'arte, architetto