5 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00

La mostra, dedicata esclusivamente agli acquerelli realizzati da John Singer Sargent (1856-1925), è tra le esposizioni più attese della stagione estiva londinese. Fino all'8 Ottobre 2017 alla Dulwich Picture Gallery..

John Singer Sargent

John Singer Sargent, The Church of Santa Maria della Salute, Venice, c. 1904-9 © Calouste Gulbenkian Foundation, Lisbon. Photo: Catarina Gomes Ferreira

John Singer Sargent (1856-1925) è stato un pittore anglo-americano, raffinato interprete dell'opulenza dell'era edoardiana e considerato uno dei ritrattisti più significativi della sua generazione. Egli preferì non dedicarsi alla sperimentazione e infatti fu celebre soprattutto per i suoi ritratti, nei quali passò in rassegna l'aristocrazia e l'alta società dell'Europa, oltre che le maggiori personalità contemporanee: l'oggetto dei ritratti di Sargent, era quasi sempre la società e il mondo raffinato e mondano che rispecchiava la sua sensibilità cosmopolita. Nei suoi dipinti traspare l'atmosfera spensierata e mondana di una società che egli ritrae con uno stile moderno, fluido e brillante. La grande rapidità d'esecuzione, la trasparenza e l'uso straordinario della luce, il disinvolto ed elegante eclettismo e l'ostentazione di particolari mondani furono tutte caratteristiche che resero Sargent immensamente popolare nell'alta società europea.

Mostra John Singer Sargent

John Singer Sargent, The Lady with the Umbrella, 1911, Museu de Montserrat. Donated by J. Sala Ardiz. Image © Dani Rovira

I curatori della mostra alla Dulwich Picture Gallery hanno selezionato ben 80 opere (tra cui la bellissma The lady with the umbrella, 1911) provenienti da oltre 30 gallerie e collezioni artistiche internazionali (pubbliche e private); tutti i dipinti sono stati realizzati tra il 1900 e il 1918, uno dei periodi più produttivi e intensi nella carriera dell'artista. A partire dal 1901 il pittore, infatti, abbandonò quasi del tutto la ritrattistica e si dedicò con molta assiduità a quei soggetti che lasciavano più spazio all'immaginazione. Mosso dalla febbrile eccitazione che gli procurava il viaggio, che gli consentiva di scoprire temi non banali, bensì speciali e unici, Sargent approdò definitivamente all'acquarello, una tecnica che padroneggiava brillantemente e che egli ritenne più appropriata per cogliere con freschezza e immediatezza tutti gli effetti luministici forniti dall'osservazione en plein air. I soggetti più ricorrenti della tarda maturità di Sargent, ovvero ruscelli e torrenti (Alpi), la laguna di Venezia, valli, parchi, statue e fontane, sono tutti riproposti con grande fedeltà e cura dei dettagli e denotano un ritorno all'energia e alla sincerità dei suoi primi anni.

Mostra John Singer Sargent Londra

John Singer Sargent, Group of Spanish Convalescent Soldiers, c. 1903, Private Collection

Durante i numerosi viaggi intrapresi nel Sud dell'Europa e nel Medio Oriente, libero dai vincoli dello studio e della ritrattistica, Sargent sviluppò una tecnica molto personale di vedere e comporre le sue opere lasciandosi ispirare dalla luce e dall'esoticità dei luoghi visitati; i suoi soggetti spesso apparivano frammentari e disorientanti, espressione del suo personale e innovativo gusto estetico. Molti degli acquerelli realizzati in quel periodo sono stati spesso licenziati dalla critica e dalla società del tempo come semplici schizzi di viaggio. Essi in realtà sono parte integrante della produzione artistica di Sargent: abbagliano per l'uso magistrale della luce e per l'intensità e la brillantezza del colore, ed offrono una visione alternativa e diversa dell'opera di questo grande artista dotato di un talento straordinario e di una tecnica pittorica unica e altamente innovativa.

Sargent: The Watercolours

Fino all'8 ottobre 2017

Aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 17.00
(Domenica dall 11.00 fino alle 17.00)

Biglietto adulti £ 15.50

Dulwich Picture Gallery

Gallery Road,
London SE21 7AD

Vincenzo Sebastiano
Questo articolo è stato scritto per Qui londra da:
Vincenzo Sebastiano
Giornalista, storico dell'arte, architetto