Gli Autoritratti di Lucian Freud alla Royal Academy of Arts

VS Vincenzo Sebastiano Updated

Un evento unico ed imperdibile per ammirare dal vivo, tutti insieme e per la prima volta, gli autoritratti di uno dei pittori più geniali e versatili del XX secolo: Lucian Freud. Fino al 26 Gennaio 2020 alla Royal Academy of Arts di Londra.

Lucian Freud The Self portraits

Reflection (Self-portrait), 1985 Oil on canvas, 55.9 x 55.3 cm Private collection, on loan to the Irish Museum of Modern Art © The Lucian Freud Archive / Bridgeman Images

La seconda metà del Novecento ha proposto un'enorme quantità di stimoli culturali, cui corrisposero diverse scelte artistiche. In questo frangente alcuni pittori, tra cui Lucian Freud, tornarono ad un percorso di tipo figurativo, scegliendo di misurarsi in modo più diretto con la realtà concreta dell'uomo, legata alla ricerca dell'identità, ai grandi temi dell'esistenza, agli aspetti psicologici e più nascosti della nostra personalità. Ne derivarono linguaggi che, come nel caso degli autoritratti di Freud, rispecchiavano la sfera individuale dell'artista e che a volte portarono le sue opere ad un forte realismo, altre ad una sorta di deformazione espressionistica ottenuta attraverso atmosfere silenziose e sospese. Le prime prove pittoriche di Freud tendevano ad una intensa espressività, deformando volti e oggetti in direzione di una nuova oggettività. Dai primi passi del suo cammino d'artista, Freud sviluppò nel tempo uno straordinario spirito di osservazione del reale e una forte adesione concettuale ad esso, che si farà con gli anni sempre più incisiva, soprattutto negli autoritratti.

Sono proprio questi gli aspetti che i curatori hanno cercato di cogliere e rappresentare in questa prima mondiale, riunendo gli autoritratti più importanti di Freud e cercando, attraverso i suoi lavori, di raccontare la storia e l'evoluzione di un moderno maestro dell'arte britannica che rivolge con fermezza e imparzialità il suo occhio indolente su se stesso, senza sconti o favoritismi di sorta. Infatti, oltre ad essere uno dei più famosi ritrattisti del nostro tempo, Lucian Freud è stato anche uno dei pochissimi artisti del XX secolo che si siano ritratti con coerenza, obbiettività e grande realismo. Se visti insieme, come in questo caso, i suoi autoritratti rappresentano uno studio avvincente ed emozionante del processo dell'invecchiamento. Affrontando di continuo la propria immagine in diverse fasi della vita, Freud si è raffigurato in gioventù come l'eroe greco Acteon, nella maturità come un uomo pensieroso assorto in una cupa ed attenta posa riflessiva mentre nella vecchiaia a 71 anni, nudo, indossando solo un paio di stivali senza lacci. Quando gli è stato chiesto se fosse un buon modello per se stesso, Freud ha risposto: 'No, non accetto le informazioni che ottengo quando mi guardo: ecco dove inizia il problema'. Ma in fondo è proprio questo 'problema' che rende gli autoritratti di Freud così intensamente avvincenti ed unici!

La mostra, organizzata dalla Royal Academy of Arts, in collaborazione con il Museum of Fine Arts di Boston, si sviluppa attraverso un percorso espositivo che copre un arco temporale di circa 70 anni della carriera dell'artista. E' composta da oltre 50 autoritratti, tra dipinti, acquerelli, stampe, disegni, schizzi e documenti inediti di grande valore, provenienti da collezioni pubbliche e private in tutto il mondo. E' suddivisa in varie sezioni, ciascuna delle quali pone l'accento su differenti temi e fasi artistiche della sua opera. In ben sette decenni, i suoi autoritratti forniscono una visione affascinante e veritiera sia della psiche che dello sviluppo e della maturazione dell'uomo e del pittore: dal primo autoritratto, dipinto nel 1939, all'ultimo eseguito 64 anni dopo. Un percorso cronologico ed artistico che definisce con precisione l'affascinante evoluzione del suo stile, dalle prime opere più grafiche e lineari fino allo stile più carnoso e pittorico dell'ultima fase, che tutti ben conosciamo.

Informazioni Evento

Lucian Freud: The Self-portraits
Dal
27 Ottobre 2019
Fino al
26 Gennaio 2020
Aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00 (ultimo ingresso 17.30) Venerdì e Sabato fino alle 22.00 (ultimo ingresso 21.30)
Biglietto adulti £ 18.00 (£ 16.00 senza donazione)
Vincenzo Sebastiano
Questo articolo è stato scritto per Qui londra da:
Vincenzo Sebastiano
Giornalista, storico dell'arte, architetto

Immagini

Reflection (Self-portrait), 1985 Oil on canvas, 55.9 x 55.3 cm Private collection, on loan to the Irish Museum of Modern Art © The Lucian Freud Archive / Bridgeman Images
Man with a Feather, 1943 Oil on canvas, 76.2 x 50.8 cm Private collection © The Lucian Freud Archive / Bridgeman Images
Startled Man: Self-portrait, 1948 Pencil on paper, 22.9 x 14.3 cm Private collection © The Lucian Freud Archive / Bridgeman Images
Self-portrait, Reflection, 2002 Oil on canvas, 66 x 50.8 cm Private collection © The Lucian Freud Archive / Bridgeman Images
Reflection with Two Children (Self-portrait), 1965 Oil on canvas, 91 x 91 cm Museo Nacional Thyssen-Bornemisza, Madrid © The Lucian Freud Archive / Bridgeman Images

Altre mostre in corso a Londra

La Royal Academy of Arts di Londra presenta la prima grande retrospettiva dedicata al lavoro di uno dei più importanti artisti simbolisti belgi della fine dell'Ottocento: Léon Spilliaert. Fino a...
L'acclamato gruppo di design italiano Formafantasma protagonista della prima retrospettiva in UK in programma alla Serpentine Sackler Gallery di Londra fino al 17 Maggio 2020. La mostra è gratu...
La Whitechapel Gallery di Londra dedica questa mostra al talento dei giovani artisti del nuovo millennio. Dal 6 Febbraio al 10 Maggio 2020.
Questa importante mostra, in programma dal 4 febbraio al 19 aprile 2020 alla Tate Britain di Londra, offre un'occasione unica per ammirare le emozioni, i contrasti e la teatralità dell'arte barocc...