5 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00

Una mostra inusuale che pone in primo piano modelli e personaggi accomunati da un unico particolare: quello di indossare un paio di occhiali. Alla National Portrait Gallery, fino al 26 Marzo 2017.

Mostra Luc Tuymans: Glasses

(c) National Portrait Gallery, London

Tutte le opere esposte sono state realizzate e selezionate dal noto pittore di fama internazionale Luc Tuymans. Luc Tuymans (nato nel 1958) è un artista belga che vive e lavora ad Anversa; è considerato uno dei pittori contemporanei più influenti e importanti al mondo. E' una delle figure chiave di una nuova generazione di pittori figurativi che hanno continuato a dipingere durante un periodo (quello dell'era informatica) in cui molti credevano che la pittura avesse perso la sua rilevanza. I suoi caratteristici dipinti figurativi trasformano eventi mediatici, pellicole cinematografiche, programmi televisivi e notizie di stampa in documenti di accusa o di critica alla storia e alla memoria.



Luc Tuymans nasce e si forma come pittore ma, nei primi anni Ottanta, decise di prendersi una pausa per circa due anni, durante i quali lavorò come film-maker e regista; quando a metà degli anni Ottanta tornò alla pittura, introdusse nuove tecniche come il ritaglio, i primi piani, un diverso tipo di inquadratura e il sequenziamento, che tuttora rimangono gli elementi chiave della sua opera

Il lavoro di Tuyman può essere considerato come un ampio archivio di dati, disegni, fotografie, televisione e cinema, che fonde mirabilmente in una vasta gamma di stili ed argomenti trattati. I temi principali e i soggetti scelti variano dai grandi eventi storici, come l'Olocausto o la politica del Congo Belga, alle tematiche più insignificanti e banali, come le differenze tra alcuni modelli di carta da parati, le decorazioni natalizie o gli oggetti di uso quotidiano. Ha realizzato anche alcuni dipinti che esprimono stati emotivi astratti, dal titolo 'Embitterment' o 'Insomnia' che implicano risposte esistenziali o filosofiche alla condizione umana.

Sin dagli anni Settanta Tuymans si è sempre preoccupato del modo in cui percepiamo le persone e le cose. Il suo lavoro, che si avvale dell'uso frequente di immagini e fotografie, rende suggestivo anche l'oggetto più banale; è proprio quello che accade in questa mostra che verte interamente intorno ad un oggetto di assoluto uso comune, talmente presente nella vita di tutti i giorni da passare ormai completamente inosservato: gli occhiali.

Tuymans ha spesso afferamto di amare dipingere gli occhiali; forse per le differenti forme o modelli con cui possono essere realizzati oppure per il fatto che quasi sempre rendono il viso differente, distorto, irriconoscibile. La banalità degli occhiali assume un significato diverso quando li si dipinge. Lui stesso è rimasto sconcertato nello scoprire, ad un certo punto della sua carriera, che quasi i tre quarti del suoi ritratti (per puro caso, senza alcuna premeditazione) rappresentavano persone con gli occhiali. Da qui l'idea di realizzare questa mostra, la prima in assoluto nella sua carriera, nata da una selezione tematica nell'ambito dei suoi lavori. Un percorso di oltre 50 opere in cui i protagonisti assoluti sono gli occhiali, oggetti che possono cambiare radicalmente la fisionomia di un volto, pur lasciandolo in realtà completamente inalterato.

Luc Tuymans: Glasses

Fino al 26 marzo 2017

Aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00
(Giovedi e Venerdì fino alle 21.00)

Ingresso gratuito

National Portrait Gallery

St. Martin's Place, London WC2H 0HE

Vincenzo Sebastiano
Questo articolo è stato scritto per Qui londra da:
Vincenzo Sebastiano
Giornalista, storico dell'arte, architetto