5 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00

La mostra celebra il centenario della più grande battaglia navale combattuta nel corso della I Guerra Mondiale. Al National Maritime Museum fino al 30 Novembre 2018.

La mostra Jutland 1916: WWI's Greatest Sea Battle a Londra

David Beatty, commander of the British battlecruiser fleet, aboard 'Queen Elizabeth' © National Maritime Museum

31 Maggio 1916. Nelle acque dello Jutland, al largo delle coste danesi, si combatte l'unica grande battaglia navale della prima guerra mondiale (una delle più importanti nella Storia Navale) fra le principali flotte operative del tempo: la Royal Navy britannica e la Kaiserliche Marine tedesca. Lo scontro fu voluto dalla Germania per stroncare il blocco navale che affliggeva la nazione da due anni; la flotta britannica era la prima al mondo e non temeva confronti, ma la Marina Imperiale tedesca, sotto la guida dell'ammiraglio Alfred von Tirpitz, era divenuta una forza competitiva ed assai temuta dall'Ammiragliato britannico.



L'Inghilterra mise in moto 9 incrociatori da battaglia, 24 corazzate semplici, 26 incrociatori leggeri e 79 cacciatorpedinieri; la Germania schierava 16 corazzate, 11 incrociatori leggeri, 5 incrociatori da battaglia, 61 cacciatorpedinieri e alcuni sottomarini. Dopo circa cinque ore, le due flotte si separarono, avendo entrambe subito gravi danni. Il combattimento fu durissimo, le perdite in uomini e mezzi furono ingenti da entrambe le parti, ma la flotta tedesca riscì a riguadagnare le proprie basi. Gli inglesi restarono comunque padroni del campo e, nonostante le gravi perdite, si trattò di un'importante vittoria strategica.

I curatori e gli storici hanno esaminato la battaglia da tutti i punti di vista; storico, politico, diplomatico, militare e navale, vagliando le fonti e le notizie grazie ai documenti originari e ai racconti forniti dal nipote dell'ammiraglio Sir John Jellicoe, il comandante della Grand Fleet britannica. I visitatori saranno proiettati nel campo di battaglia e potranno conoscere e osservare molti aspetti inediti dei combattimenti navali, compresa la vita e le storie dei marinari che prestavano servizio a bordo delle navi da guerra inglesi e tedesche. Gli eventi sono raccontati attraverso numerosi oggetti e documenti, alcuni dei quali esposti per la prima volta: dipinti, schizzi, mappe, cartine geografiche di inizio XX secolo, fotografie, modelli di navi e plastici delle coste dello Jutland, oltre a utensili e numerose medaglie al valore.

Uno dei primi oggetti che si incontra lungo il percorso espositivo è l'incredibile modello (lungo circa 14 piedi) della nave HMS Queen Mary, uno dei più grandi incrociatori da battaglia inglesi coinvolti nello Jutland, distrutto dai tedeschi con l'intero equipaggio (si salvarono solo 18 marinai su un totale di 1266).

A parte gli episodi bellici, la mostra comprende anche alcune sezioni in cui i visitatori potranno scoprire storie e racconti personali di molti marinari e delle loro famiglie, dei sogni, delle preoccupazioni e delle paure di tanti giovani che, da entrambi i lati, hanno donato la propria vita per servire la patria durante la Grande Guerra.

Jutland 1916
WWI's Greatest Sea Battle

Fino al 30 novembre 2016

Ingresso gratuito

Aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 17.00

National Maritime Museum

Park Row, Greenwich
London SE10 9NF

Vincenzo Sebastiano
Questo articolo è stato scritto per Qui londra da:
Vincenzo Sebastiano
Giornalista, storico dell'arte, architetto