5 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00

La prima mostra dedicata esclusivamente alla ritrattistica di uno dei più grandi pittori viventi inglesi: Howard Hodgkin. Alla National Portrait Gallery fino al 18 Giugno 2017.

Mostra Howard Hodgkin

Portrait of the Artist Listening to Music by Howard Hodgkin, 2011-2016, Courtesy Gagosian

Il ruolo della memoria, l'espressione delle emozioni e l'esplorazione delle relazioni tra persone e luoghi sono i temi fondamentali dell'opera di Hodgkin. La mostra è incentrata soprattutto sullo sforzo da parte dell'artista di creare un linguaggio visivo della ritrattistica molto personale, che sfida le tradizionali forme di rappresentazione.



Sir Gordon Howard Eliot Hodgkin (1932) è un pittore ed incisore britannico i cui lavori sono stati spesso associati all'Astrattismo. Notte, fiori rossi, acqua profonda, serata piovosa: sono solo alcuni dei temi delle sue opere: spazi invasi da cangianti effetti luministici, dove il colore, pastoso e fluente, prende il posto delle cose restituendo tracce perdute del visibile. Nell'esplorare la natura stessa della pittura, sia come linguaggio intellettuale che come pura espressione, Hodgkin ignora gli opposti della tradizione pittorica, quali l'astrazione e il figurativismo, il passato e il presente, la tela e la cornice. Tratti distintivi dell'artista sono i gesti decisi e marcati, le pennellate vigorose e materiche che possono richiedere tempi lunghissimi di esecuzione, la trama ampia e complessa, la ricca cromia e il dinamico intrecciarsi di chiaro e scuro. Data la gestualità imponente e i colori saturi, i piccoli dipinti sembrano gioielli, mentre i lavori di grande formato si rivelano opulenti e teatrali. Le cornici e i supporti di legno dipinti sono sia oggetti funzionali che parte integrante dell'opera stessa.

I quadri di Hodgkin sono caratterizzati da colori ricchi e pastosi, da ampie pennellate e da spazi illusionistici complessi. Enfatizzando questi elementi pittorici, la sua opera è stata spesso associata all'arte astratta. Tuttavia, nel corso della sua lunga carriera (che dura ormai da oltre 65 anni) uno degli elementi costanti nei suoi lavori è stato quello di voler evocare e ricreare (in maniera quasi impercettibile) una presenza umana. I curatori in questa mostra hanno voluto sottolineare proprio la componente figurativa delle opere di Hodgkin, il suo modo, unico e personale di rappresentare l'uomo. In ogni suo dipinto, la presenza del soggetto, percepita ma non definita, pone resistenza all' interpretazione, rimanendo allusiva e frammentaria.

I ritratti di Hodgkin non hanno nulla a che fare con la realtà effettiva delle cose; non ripropongono ciò a cui il soggetto assomiglia, ma sono tutti incentrati sui sentimenti. Howard cerca di costruire i suoi ritratti non basandosi sulle apparenze effettive delle cose e delle persone, ma concentrandosi esclusivamente sul modo in cui i soggetti si propongono nella sua mente in termini di memoria e di emozioni. La sua pittura è audace e radicale: rappresenta un modo diverso di pensare e rappresentare le persone.

Howard Hodgkin

Portrait of the artist by Howard Hodgkin, 1984-87; Private Collection - Copyright: Howard Hodgkin Exhibition

Una mostra interessante che per la prima volta mette in luce il talento di Hodgkin come ritrattista: un artista libero di trasporre sulla tela le proprie visioni più intime, in maniera unica ed orginale.

Howard Hodgkin: About Friends

Fino al 18 giugno 2017

Aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00
(Giovedi e Venerdì fino alle 21.00)

Biglietto adulti £ 12.00 (£ 10.00 senza donazione)

National Portrait Gallery

St. Martin's Pl, London WC2H 0HE

Vincenzo Sebastiano
Questo articolo è stato scritto per Qui londra da:
Vincenzo Sebastiano
Giornalista, storico dell'arte, architetto