3.8333333333333 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 3.83

Alla Newport Street Gallery di Londra la prima grande mostra personale (dal 2002) interamente dedicata al noto artista britannico Gavin Turk. Fino al 19 Marzo 2016.

Mostra Gavin Turk

Damien Hirst and Gavin Turk, October 2016 © Victor Mara, photo Prudence Cuming Assoc_1

L'esibizione su Gavin Turk si articola attraverso un percorso di oltre 70 opere, provenienti da numerose collezioni internazionali (pubbliche e private). I curatori hanno cercato di fornire aspetti inusuali e originali dell'opera di Turk, ripercorrendo le tappe principali della vita dell'artista dagli esordi negli anni Novanta fino ai nostri giorni: ogni capitolo della sua carriera (che dura ormai da quasi 30 anni) è qui rappresentato da opere iconiche e di grande significato che comprendono sculture, installazioni e dipinti che occupano tutte le 6 ampie sale della Newport Street Gallery.



Gavin Turk (1967) è un artista britannico che gode di notevole fama nel panorama artistico internazionale. Sin dagli esordi della sua carriera è stato un pioniere ed ha aperto nuove strade a forme e stili innovativi nella scultura contemporanea britannica che attualmente sono ben consolidati e dati quasi per scontati ma che all'epoca erano altamente alternativi e sperimentali; tra questi il bronzo dipinto, i lavori con la cera, la recycled art-historical icone e l'uso dei rifiuti nelle opere d'arte.

Mostra Gavin Turk Londra

Gavin Turk, Who What When Where How & Why_ Gallery 5 © Victor Mara Ltd, Photo Prudence Cuming Assoc

Le installazioni e le sculture di Turk affrontano con attenzione quasi maniacale il concetto di 'paternità', autenticità e identità' di un'opera d'arte. Sin dagli esordi nella scena artistica londinese nei primi anni '90, Turk è stato molto attento al riconoscimento del 'mito' dell'artista e della 'paternità' delle opere, ripercorrendo e ricollegandosi ad un dibattito delle avanguardie storiche che risaliva ai ready-made di Marcel Duchamp. Nei suoi lavori usa spesso oggetti di uso quotidiano che accosta a citazioni e rimandi delle opere d'arte di alcuni dei più importanti e significativi artisti del XIX e XX secolo come Vincent van Gogh, René Magritte, Giorgio de Chirico, Andy Warhol, Jackson Pollock e Michelangelo Pistoletto.

Gavin Turk

Gavin Turk, Who What When Where How & Why_ Gallery 3 © Victor Mara Ltd, Photo Prudence Cuming Assoc

Tra i lavori di Turk esposti alla Newport Street Gallery ricordiamo l'iconica Cave (esposta per la prima volta in assoluto), un'installazione commemorativa realizzata sotto forma delle note Blue Plaque inglesi, che Turk presentò per la discussione di laurea al Royal College of Art di Londra, nel 1991. Possiamo ammirare anche una serie di 'Signature' (firme) in cui Turk usa il suo nome come una forma di ready-made al fine di esaminare, legittimare e rendere originali e autentiche le idee creative di un'opera d'arte. La firma dell'artista, tradizionalmente il segno distintivo che ne determina valore, autenticità e provenienza, si ripete di continuo in numerose installazioni della mostra con continui rimandi ad opere di artisti di fama mondiale dell'Espressinismo Astratto come Pollock. Ricordiamo ancora l'installazione Identity Crisis (1994) in cui Turk immagina una copertina della nota rivista britannica di gossip Hallo!, su cui compaiono immagini dell'artista e della sua famiglia; e ancora l'installazione Pop (1993), costituita da una serie di statue di cera a grandezza naturale di Turk rappresentato in posa come Elvis Presley o Andy Warhol. Di notevole interesse, infine, è l'opera Ariadne (2006–2014), in cui viene fuori tutto il talento di Turk nella manipolazione dei materiali e nel loro riutilizzo e riciclo (sacchi di spazzatura, rifiuti, metalli, bronzo).

Gavin Turk
Who What When Where How & Why

Fino al 19 Marzo 2017

Aperta dal Martedì al Sabato dalle 10.00 alle 18.00
Lunedì chiuso

Ingresso gratuito

Newport Street Gallery

Newport Street, London SE11 6AJ

Vincenzo Sebastiano
Questo articolo è stato scritto per Qui londra da:
Vincenzo Sebastiano
Giornalista, storico dell'arte, architetto