1 1 1 1 1 Rating 5.00

La Tate Britain presenta la prima grande retrospettiva dedicata al lavoro di uno dei più importanti fotografi britannici contemporanei: Don McCullin. Dal 5 Febbraio al 6 Maggio 2019.

Don McCullin

Protester, Cuban Missile Crisis, Whitehall, London 1962. Image courtesy of Don McCullin

Si tratta della più completa raccolta di immagini e scatti di McCullin mai esposta in una istituzione museale britannica: comprende molte delle sue iconiche fotografie di guerra, incluse immagini scattate in Vietnam, nell'Irlanda del Nord e, più recentemente, in Siria, spesso catturate e rubate con grande rischio personale.

Don McCullin è nato nel 1935 ed è cresciuto in una zona povera e degradata del nord di Londra. E' noto per le sue incredibili immagini di guerra ed è considerato uno dei fotografi più significativi e convincenti del nostro tempo. McCullin ha ottenuto il suo primo incarico quando un giornale londinese ha pubblicato una sua fotografia che ritraeva alcuni suoi amici di una gang locale. La sua carriera vera e propria inizia negli anni '60 in qualità di primo fotografo inviato di guerra del Regno Unito, lavorando per il Sunday Times Magazine. Le sue immagini indimenticabili, e a volte strazianti, sono sempre accompagnate da commenti taglienti e brutalmente onesti.

Don McCullin

The Battle for the City of Hue, South Vietnam, US Marine Inside Civilian House 1968. Image courtesy of Don McCullin

Don McCullin

Homeless Irishman, Spitalfields, London 1935. Image courtesy of Don McCullin

La mostra Don McCullin, alla Tate Britain, presenta più di 250 delle fotografie più innovative dell'artista, tutte stampate dallo stesso McCullin nella sua personale camera oscura, che coprono oltre 40 anni del suo lavoro, dai primi esperimenti degli anni Sessanta fino alle opere più recenti che continuano a spingersi sempre oltre le mode e i confini dell'arte convenzionale. Questa esposizione rappresenta un'occasione unica per comprendere il significato e le portata artistica, sociale e politica dell'opera di McCullin, attraverso gli scatti più noti e importanti della sua intera carriera. I curatori hanno voluto raccontare, attraverso le sue fotografie, le storie di milioni di esseri umani che in un modo o nell'altro sono stati colpiti dai conflitti e dalle guerre in diverse parti del mondo. Un racconto che può essere definito come una sorta di narrazione itinerante, in cui le varie parti, catturate dagli scatti di McCullin, intervengono per raccontare la propria versione di ciò che sta succedendo e la propria 'Guerra'.

Don McCullin

Northern Ireland, The Bogside, Londonderry 1971. Image courtesy of Don McCullin

Don McCullin

Seaside pier on the south coast, Eastbourne, UK 1970s. Image courtesy of Don McCullin

Una sezione dell'esibizione è dedicata anche ai lavori e ai servizi fotogrfici che McCullin ha realizzato nel Regno Unito, sempre attento a registrare ed immortalare scene di povertà e condizioni di vita lavorativa complesse nell'East End di Londra e nel nord industriale dell'Inghilterra; non mancano però anche alcuni dei bellissimi paesaggi meditativi del suo amato Somerset, dove ancora oggi vive.

Don McCullin

Fino al 6 Maggio 2019

Aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00

Biglietto adulti £ 18.00

Tate Britain

Millbank,
London SW1P 4RG

Vincenzo Sebastiano
Questo articolo è stato scritto per Qui londra da:
Vincenzo Sebastiano
Giornalista, storico dell'arte, architetto