5 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00

L'importanza del colore nel design contemporaneo: la storia della progettazione e delle idee che si celano dietro le opere di una delle più importanti designer viventi: Hella Jongerius. Al London Design Museum fino al 24 Settembre 2017.

Hella Jongerius

Design Museum - Helen Jongerius © Luke Hayes

Ogni giorno osserviamo il mondo a colori ma raramente apprezziamo o ci accorgiamo di come il colore possa forgiare e plasmare ciò che vediamo. Attraverso una serie di studi fenomenologici e di esperienze pratiche Hella Jongerius indaga uno degli aspetti più elementari ed importanti del design: il Colore.



Il lavoro della Jongerius unisce la tradizione con le tecnologie più contemporanee, le più recenti tecniche di lavorazione con le forme più raffinate dell'artigianato storico; vuole creare prodotti con un carattere unico ed irripetibile includendo elementi artigianali nell'ambito di un processo di produzione che è invece industriale. La Jongerius vede il suo lavoro come parte di un processo senza fine: tutti gli oggetti di design che crea sono copiuti ma rappresentano anche qualcosa ancora in itinere che può cambiare costantemente, dal futuro instabile ed incerto; nulla è fisso, terminato o perfetto; spesso nei suoi lavori si possono notare delle imperfezioni che sono chiaramente volute, sia nel materiale che nelle tecniche usate per realizzarli.

Mostra Hella Jongerius

Design Museum - Helen Jongerius © Luke Hayes

Hella Jongerius (1963) è una designer olandese, diventata nota soprattutto per il modo speciale e assolutamente personale in cui riesce a fondere, nelle sue opere, elementi industriali e artigianali, alta e bassa tecnologia, la tradizione con il contemporaneo. È art director di Vitra Artek e Danskina, ma lavora anche per poche e selezionate aziende. Anche se non è molto nota alla massa, i suoi lavori sono facilmente riconoscibili visto che è stata designer per brand internazionali molto noti come Ikea, Camper e la compagnia aerea di bandiera olandese KLM. È molto originale ed innovativa e le sue opere sono calde, intime e vivaci: reinterpreta le tecniche lavorative artigianali con spirito moderno, ama i contrasti tra superfici e materiali differenti e il suo processo creativo prevede spesso l'inserimento e l'uso di oggetti funzionali rivisitati in veste decorativa (bottoni, cerniere).

La mostra Breathing Color nasce sulla base di anni ed anni di ricerca nel campo dei colori, del design e della progettazione di oggetti di moda; una mostra che si esprime attraverso installazioni innovative e che esamina approfonditamente il modo in cui il colore si manifesta e si comporta, esplorandone forme, materiali, ombre e riflessi.

Hella Jongerius Design Museum

Design Museum - Helen Jongerius © Luke Hayes

L'esibizione è suddivisa in spazi differenti e separati che simulano la luce solare in circostanze climatiche e ambientali diverse e in specifici momenti del giorno: al mattino, a mezzogiorno e nel pomeriggio. Le tre fasi ci aiutano a comprendere e ad esplorare l'importanza che i cambiamenti di luce hanno sulla nostra percezione del colore. Ogni installazione comprende una serie di oggetti tridimensionali alcuni dei quali sono realizzati a mano, usando tecniche artigianali del passato, mentre altri sono prodotti grazie a moderni processi industriali. I tessuti esposti sono stati intrecciati grazie a un vasto assortimento di filati mentre gli oggetti e le pareti sono stati dipinti con tonalità che la Jongerius ha ottenuto mescolando colori contrastanti e non complementari. Anche in questa occasione la Jongerius, grazie al suo originalissimo metodo di lavoro, cerca di inserire e di usare lo spettatore come risorsa e, allo stesso tempo, come elemento di ricerca, nell'ambito dei suoi complessi processi creativi e progettuali.

Breathing Colour
by Hella Jongerius

Fino al 24 Settembre 2017

Aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00

Biglietto adulti £ 9.50

London Design Museum

224-238 Kensington High Street
London, W8 6AG

Vincenzo Sebastiano
Questo articolo è stato scritto per Qui londra da:
Vincenzo Sebastiano
Giornalista, storico dell'arte, architetto