5 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00

Che cos'è la Natura per noi? Come ci rapportiamo ad essa? Quanto la rispettiamo? Queste ed altre domande sono state affrontate nella bella mostra in corso alla Wellcome Collection di Londra fino all'8 Ottobre 2017.

Uomo e natura

Weapons, Felix, Vito and Gulliver Wayman-Thwaites, 7, 7 and 2 3/4

Molti di noi pensano alla natura considerandola come un qualcosa di separato da noi stessi, un qualcosa di lontano, da visitare, da usare e da godere ma non come parte della nostra vita quotidiana. Eppure, in realtà, la natura è ovunque intorno a noi. Sia che viviamo in città densamente abitate piuttosto che nella campagna rurale, facciamo parte di un ecosistema complesso che ci circonda e che è formato da piante, animali, terra, aria e acqua.



Non è possibile separare l'Uomo dalla Natura considerata nella sua interezza: sia che ci riferiamo al pianeta Terra piuttosto che al nostro sistema solare, alla nostra galassia e all'universo in genere. Non è corretto, quindi, pensare a 'Uomo e Natura separati', ma piuttosto all' Uomo come 'parte integrante della Natura'. Il rapporto tra l'Uomo e la Natura può essere considerato sotto diversi aspetti, perché i ruoli che essa riveste per noi sono molteplici: habitat, fonte di armonia e di pace, fonte di energia, di forza, ma anche fonte di pericolo. Il rapporto tra l'Uomo e la Natura è notevolmente cambiato nel corso del tempo; oggi l'uomo non presta attenzione a preservare le caratteristiche che mantengono l'equilibrio dell'ambiente e lo considera come una fonte inesauribile da cui attingere per migliorare le proprie condizioni, non curandosi di distruggere un bene molto prezioso per tutti. Per questi e tanti altri motivi, i curatori hanno allestito questa mostra cercando di indagare, studiare e raccontare il modo in cui ciascuno di noi si rapporta alla Natura.

Mostra Uomo e natura

Tattoo, Kelli Powling, 36 years old (tattoo artist Michael Sheerin)

La maggior parte degli oggetti selezionati ed esposti alla Wellcome Collection provengono proprio da alcuni membri del pubblico e raccontano la storia personale e il rapporto speciale che ciascuno di essi ha con la Natura. In questo modo si creerà un'istantanea collettiva che rivela il pensiero globale della società del XXI secolo nei confronti del mondo naturale, esplorando le tematiche più attuali e evidenziando la strettissima connessione esistente tra la salute, la sopravvivenza del nostro pianeta e i comportamenti delle persone che lo abitano.

Per rappresentare le molteplici e varie voci del pubblico è stata selezionata una piccola squadra di persone che, quotidianamente, lavora a stretto contatto con la natura e che ha scelto la maggior parte degli oggetti esposti nella mostra. Tra le persone scelte troviamo il gestore di un parco, uno sciamano, un allevatore, un pastore, e uno scienziato di specie vegetali.

A museum of modern nature

Ladybird books and school biology exercise book. Michaela Strachan, 51 years old

Le sfide ambientali da affrontare sono globali, ma le soluzioni partono invece dal personale e dal locale. In questo modo i curatori hanno creato un nuovo (e diverso) tipo di esibizione della natura, che celebra la nostra relazione quotidiana con il mondo che ci circonda. Il percorso espositivo ricalca la storia millenaria dell'umanità che si è costantemente sforzata di rapportarsi con la Natura, ammirandola, sfruttandola, studiandola e cercando di comprenderle e decodificarla.

A museum of modern nature

Fino all'8 ottobre 2017

Aperta tutti i giorni (a parte il Lunedì) a dalle 10.00 alle 18.00 Domenica dalle 11.00 alle 18.00 (Giovedi 22.00)

Ingresso gratuito

Wellcome Collection

183 Euston Rd
London NW1 2BE

Vincenzo Sebastiano
Questo articolo è stato scritto per Qui londra da:
Vincenzo Sebastiano
Giornalista, storico dell'arte, architetto