5 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00

Esami IELTSLe statistiche IELTS parlano di un buon livello registrato tra gli studenti universitari. Secondo le statistiche diffuse dal recente rapporto IELTS, il test di certificazione linguistica internazionale, il livello di conoscenza dell'inglese da parte degli studenti italiani è notevolmente migliorato negli ultimi anni.

I dati sono stati diramati dal British Council, l'ente britannico per le relazioni culturali e la diffusione della lingua inglese nel mondo.



Il Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Straniere, schema promosso dal Consiglio d'Europa nel 2001 per favorire la moblità internazionale di studenti e lavoratori, prevede sei livelli di conoscenza linguistica (in ordine crescente di importanza: A1, A2, B1, B2, C1, C2).

L'Italia è il settimo paese al mondo per numero di candidati al test IELTS e nelle performance generali si comporta bene, addirittura meglio di altri paesi europei, a dispetto di quel che si crede generalmente sull'inglese degli italiani.

Nel 2009, infatti, tra gli studenti italiani che hanno sostenuto il test IELTS, solo l'1% ha conseguito un risultato inferiore a B1 (15%), generalmente ritenuto livello-soglia al termine delle lauree triennali. Quasi la metà dei candidati invece si colloca sul livello B2 (48%), sul quale si basano alcuni corsi di lingua delle lauree triennali e molti di quelle specialistiche. Significativo il fatto che oltre un terzo degli studenti si collochino al livello C1 (36%), mentre ancora stenta la perfezione: appena l'1% riesce a raggiungere il livello più ambito, il C2.

Il test si struttura in quattro prove corrispondenti alle abilità linguistiche fondamentali: ascolto, lettura, scrittura e conversazione. Le pecche maggiori degli italiani, secondo le statistiche, sono nelle ultime due prove (soprattutto la scrittura, in Italia si scrive poco, tanto meno in lingua straniera), mentre l'abilità per la quale i candidati risultano più preparati è la lettura, forte della vasta diffusione dell'inglese su vari supporti.

Generalmente, per l'accesso ai corsi di laurea nei paesi anglofoni si richiede un B2 (in alcuni casi il C1 a seconda della disciplina o del prestigio della sede accademica), mentre per master e dottorati si parte dal C1 ma in alcuni casi è necessario il C2.



IELTS è sostenuto prevalentemente da studenti (a partire dal penultimo anno dei licei), ma anche da lavoratori che ambiscono a migrare in paesi anglofoni (es. Australia, Canada, Nuova Zelanda, Stati Uniti) i cui uffici immigrazione richiedono necessariamente una prova di conoscenza della lingua straniera ai fini della concessione del visto di lavoro. Secondo Paolo Margari, IELTS Development Manager presso il British Council, negli ultimi due anni si è registrata una crescente richiesta di certificazioni per scopi di emigrazione soprattutto nelle regioni del Sud Italia, mentre al Centro-Nord la motivazione prevalente resta lo studio all'estero.

Le certificazioni linguistiche non hanno scadenza, anche se per tutti coloro che si rivolgono direttamente all'estero è consigliato un utilizzo entro i due anni dal conseguimento.

Il nuovo formato europeo del Curriculum Vitae, peraltro, prevede obbligatoriamente l'indicazione della conoscenza delle lingue straniere specificandone i livelli per le singole abilità fondamentali (ascolto, lettura, scrittura e conversazione). Sul sito dell'Unione Europea è possibile creare il proprio CV in formato Europass e il Passaporto delle Lingue, dove è richiesta l'indicazione di una certificazione internazionalmente riconosciuta.

Sebbene la diffusione dell'inglese come principale seconda lingua nei paesi non anglofoni abbia provocato una proliferazione di certificazioni, sono poche quelle che godono di riconoscimento internazionale per via di un'adeguata affidabilità. Tra queste c'è proprio IELTS, i cui contenuti sono prodotti dall'Università di Cambridge, e la cui diffusione negli ultimi 5 anni è cresciuta a livello esponenziale nel mondo (oltre due milioni di certificati nel 2010), Italia compresa.

Nel nostro Paese sono sempre più le facoltà universitarie e i centri linguistici che, in luogo delle prove interne che non godono di alcuna validità all'estero, per incentivare l'internazionalizzazione e la standardizzazione dei metodi di valutazione delle competenze, riconoscono ad essa crediti formativi ed esoneri da idoneità o esami.

Tutte le informazioni sulle certificazioni linguistiche sono disponibili sul sito del British Council

Test Ielts