4.8571428571429 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 4.86

Dal 1798, Rules, il più antico ristorante di Londra, intreccia la sua storia con quella del Regno Unito e del mondo intero. Ai suoi tavoli hanno mangiato e bevuto teste coronate e nobiltà varia insieme con attori, scrittori, musicisti e personalità di tutti i campi dello scibile umano che per loro ventura sono arrivati nella capitale britannica.

Rules, il ristorante più antico di Londra

Il suo fondatore, Thomas Rule, oltre 200 anni addietro scelse come location Covent Garden, la zona dei teatri per eccellenza, dove gravitavano oltre alle persone del mondo dello spettacolo anche i giovani rampolli dell'aristocrazia. Questi ultimi, desiderosi di costruirsi una reputazione da libertini e donnaioli, spendevano fortune nel corteggiamento delle attrici o delle ballerine più acclamate nei teatri del West End. Il Principe di Galles, il futuro Edoardo VII, ad esempio, vi incontrava Lillie Langtry, una famosa attrice statunitense che calcò con successo, per alcuni anni, i palcoscenici di Covent Garden. Il salottino privato, dove il monarca si intratteneva amabilmente con la sua amante, diventò il più famoso e ambito spot per le coppie di tutto il mondo. Riuscire a prenotare quel preciso tavolo era segno di influenza e di successo.



In ricordo di quegli anni, ancora oggi è possibile ordinare un cocktail dedicato alla bella attrice: A kiss for Lillie, una sapiente mistura di Champagne e King's Ginger, un liquore creato apposta per Edoardo nel 1903 da Berry Bros, il più antico mercante di vini e liquori di Londra.

Tutta una genìa di poeti e scrittori, da Dickens a Thackeray fino a Galsworthy, hanno assaggiato le ricette tradizionali tramandate dalla famiglia di Rules. Graham Green, addirittura, era uso festeggiare i suoi compleanni al Rules tanto da avere una saletta riservata che oggi porta il suo nome. In cambio della “tollerante” ospitalità, il Rules è apparso come setting in molte novelle dello scrittore come degli altri aficionados.

Il pubblico scelto e danaroso non ha ma disertato i tavoli del Rules che in tempi più recenti ha accolto gli attori della celluloide inglesi o quelli di passaggio che alloggiavano nei lussuosi hotel dello Strand. Così Rules annovera tra i suoi clienti Charles Laughton, Laurence Olivier, Buster Keaton, Stan Laurel, Henry Irving, Clark Gable, Charlie Chaplin e tanti altri, tanto da tappezzare pareti su pareti con articoli e foto ricordo.

Specializzato in cacciagione, nel menù non mancano mai piatti di cervo o di lepre. Durante la stagione di caccia del Grouse (gallo cedrone), dal 12 agosto al 10 dicembre, il piatto forte del Rules arriva in tavola con una raccomandazione: “attenti ai pallini di piombo”.
Se pranzare al Rule può essere economicamente impegnativo, concedetevi almeno l'ultima creazione del bartender in onore della Duchessa di Cambridge: il cocktail chiamato Kate Middleton Royal 29, con gin di Sipsmith la più antica distilleria di Londra, vodka rosa e violette cristallizzate. Non c'è altro posto a Londra come il Rules, dove nell'atmosfera ovattata delle accoglienti sale si è circondati da storia, cultura e costume.

Rules Restaurant

34-35 Maiden Lane, London WC2E 7LB

020 7836 5314

Mappa Rules Restaurant

Stampa


Antonella SciortinoTesto e foto di Antonella Sciortino

#Londradaybyday