contentmap_module
5 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00

Il Museum of Childhood (Museo dell'Infanzia) è uno dei musei dedicati all'infanzia più importanti al mondo, grazie alla vasta collezione che offre, alle attività didattiche che propone ed all'interattività dei suoi percorsi, studiati a misura per il suo giovane pubblico.

Museum of Childhood Londra

Il museo fa parte del gruppo museale Victoria and Albert ed è situato nell'East London, a due passi dalla metropolitana di Bethnal Green.

Entrando nel Museum of Childhood il visitatore si trova circondato da un grande openspace al centro del quale ci sono la reception, il cafè ed il negozio del museo; ai lati e disposti su due piani sono esposte le collezioni, gli spazi per i laboratori e le varie installazioni-gioco interattive alle quali i più piccoli non possono resistere. Le collezioni sono organizzate in diversi dipartimenti che possono essere suddivisi in giochi, vestiti ed arredi. La sezione dedicata ai giochi è molto vasta ed è a sua volta suddivisa in costruzioni, bambole e burattini, giochi meccanici, giochi per lo sviluppo cognitivo, giochi creativi, veicoli. 



Il museo dell'infanzia di Londra

Il museo venne fondato nel 1872 con il nome di Bethnal Green Museum; l'edificio è formato da una struttura portante in ferro, prefabbricato già esistente e trasportato a Bethnal Green da South Kensighton, dove venne rimpiazzato con i primi edifici del complesso V&A. L'esterno venne progettato da James William Wild in mattoni rossi ed arcate a tutto sesto; su alcune pareti sono visibili dei mosaici educativi, a sud con scene agricole, a nord con scene dedicate all'arte ed all'industria. Per quanto riguarda l'interno, il pavimento in marmo a squame di pesce venne realizzato dalle detenute di Woking Gaol.

museum-of-childhood-2
museum-of-childhood-3
museum-of-childhood-4
museum-of-childhood-5
museum-of-childhood-6

Gli intenti del museo, che per decenni espose collezioni di cibo e prodotti animali, non furono ben chiari sino al 1922, anno in cui si decise di dedicare alcuni dei suoi spazi e delle sue collezioni al mondo dell'infanzia. L'allora direttore Arthur Sabin iniziò così ad organizzare gli spazi del museo a misura di bambino e ad allargare le collezioni raccogliendo materiali ed oggetti legati alla crescita ed allo sviluppo delle capacità cognitive dei più piccoli. Fu nel 1974 che, dopo un anno di chiusura, il museo riaprì sotto il nome di Chidhood Museum, dal quale erano state tolte tutte le collezioni non relative all'infanzia per accogliere quelle invece inerenti ad essa e sino ad allora tenute nella sede del Victoria and Albert Museum di South Kensington. Recentemente, tra il 2005 ed il 2006 il museo venne nuovamente chiuso per essere rinnovato; l'aggiunta di un nuovo ingresso, l'ascensore e nuovi spazi da dedicare alle attività didattiche hanno permesso al Childhood Museum di diventare un luogo pulsante, quotidianamente frequentato da scuole, famiglie e turisti.



Scritto da Simona Caccia
contentmap_plugin

Cosa vedere vicino al Museum of Childhood