5 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00

The V&A Engineering Season: un'esibizione dedicata agli 'eroi non celebrati' e meno noti del design e della progettazione che si celano dietro la costruzione di alcuni degli edifici più importanti e famosi del mondo. Al V&A di Londra fino al 6 Novembre 2016.

V&A Engineering Season

Exterior view of Centre Pompidou © Ian Dagnall Alamy Stock Photo

I curatori della mostra al Victoria&Albert Museum ci raccontano storie 'non dette' e quasi sconosciute, presentano idee e disegni inediti che svelano la filosofia e i ragionamenti esistenti dietro i più noti progetti architettonici del mondo.

Parte centrale e fulcro del programma dell'edibizione è l'incredibile retrospettiva dedicata al genio architettonico di Ove Arup, ingegnere danese poi naturalizzato inglese, tra i tecnici e i progettisti più influenti e talentuosi del XX secolo, noto soprattutto per la filosofia progettuale del 'Total Design'. La 'Arup Associates' è infatti la società internazionale di ingegneria, fondata da Arup nel 1946, che ancora oggi si occupa di progettazione, pianificazione e project management, capace di offrire un'ampia gamma di servizi professionali in tutto il mondo. Attraverso i suoi moltissimi uffici, attualmente aperti in 29 paesi di 5 continenti, la società costituisce un gruppo globale fortemente competitivo, in grado di rispondere alla crescente domanda relativa all'ingegnerizzazione e cantierizzazione delle opere e di offrire servizi e consulenze altamente specialistici, ma anche molto diversificati: progettazione infrastrutturale, architettonica, strutturale, urbana e impiantistica.



Fra i primi grandi successi internazionali della società ricordiamo le strutture della celebre Opera House di Jǿrn Utzon aSydney (inaugurata nel 1973) e quelle per il Centre Pompidou di Renzo Piano e Richard Rogers a Parigi (1971-1977), di cui sono qui esposti disegni, modelli e grafici inediti; tra gli altri progetti in mostra realizzati dalla 'Arup Associates' ricordiamo il Crossrail Tunnel, i pannelli per la facciata 'SolarLeaf algae' della BIQ House ad Amburgo, la Penguin Pool allo Zoo di Londra, oltre a 150 prototipi inediti, modelli, plastici, materiale archivistico, disegni, film, fotografie e nuovi schermi digitali che propongono animazioni e simulazioni virtuali.

V&A Engineering Season

Penguin Pool, London Zoo, 1934 © ZSL

Tra le installazioni presenti nella mostra di particolare interesse è l'Elytra Filament Pavilion, un padiglione realizzato da uno studio di architettura d'avanguardia e di ingegneria dell'Università di Stoccarda, che ha trasformato radicalmente l'aspetto dei giardini del Victoria&Albert Museum. La struttura, ispirata alla natura e alla foresta nordica, è interamente realizzata da robot ed esplora e studia l'impatto delle emergenti tecnologie robotiche sulla progettazione architettonica, ingegneristica e sulla produzione industriale.

Il padiglione Mind over Matter, presentato dal V&A+RIBA Architecture Partnership, espone una serie di progetti di ingegneria globale e di architettura di avanguardia (modelli, disegni e rendering digitali) realizzati da imprese britanniche, che testimoniano lo status di Londra come capitale del design inglese e quello della Gran Bretagna come uno dei leader mondiali nel campo della creatività e della progettazione artistica e architettonica.

Engineering the World
Ove Arup and the Philosophy of Total Design

Part of the V&A Engineering Season

Fino al 6 novembre 2016

Biglietto adulti £ 7.00

Aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 17.30
(Venerdì fino alle 21.30)

Victoria&Albert Museum

Cromwell Road, SW7 2RL, London

Vincenzo Sebastiano
Questo articolo è stato scritto per Qui londra da:
Vincenzo Sebastiano
Giornalista, storico dell'arte, architetto