5 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00

La prima grande mostra nel Regno Unito interamente dedicata all'opera di Caravaggio e all'influenza che ha avuto sull'arte dei suoi contemporanei e seguaci. Fino al 15 Gennaio 2017 alla National Gallery di Londra.

Beyond Caravaggio

Michelangelo Merisi da Caravaggio, The Supper at Emmaus, 1601, Oil on canvas © The National Gallery, London

Beyond Caravaggio è il titolo della retrospettiva dedicata al rapporto tra il grande pittore italiano e diversi artisti che, osservando ed ammirando le sue opere, sono stati influenzati da lui nelle generazioni successive. I curatori della mostra alla National Gallery hanno posto l'accento sul fenomeno internazionale del 'Caravaggismo' selezionando alcuni dipinti di Caravaggio insieme a quelli di altri artisti del Seicento, italiani, francesi, fiamminghi, olandesi e spagnoli che rimasero colpiti dalle sue opere e ne seguirono il linguaggio.



Caravaggio nacque a Milano in un periodo in cui in Lombardia e in genere nell'Italia del Nord si faceva sempre più forte l'interesse per lo stile realista che portò gli artisti a interessarsi del mondo degli umili, della vita di strada, di occupazioni e gesti usuali. Caravaggio raffigura gli uomini e le loro storie con autentico senso di verità: i suoi santi sono persone comuni, poveri, mendicanti e attraverso loro egli esprime sentimenti sinceri. Fu un artista provocatorio e non convenzionale: i suoi dipinti, straordinariamente originali, carichi di emotività, intenso naturalismo, illuminazione drammatica e potente narrativa, ebbero un impatto duraturo sull'arte europea, il cui eco è arrivato fino ai giorni nostri.

In questa magnifica esibizione, organizzata dalla National Gallery di Londra, in collaborazione con la National Gallery of Ireland, e la National Gallery of Scotland, si comprende con facilità l'influenza di Caravaggio nei quadri di numerosi artisti che da tutta Europa accorsero a Roma per vedere le sue opere, imitarne la vivacità dello stile pittorico, il vibrante naturalismo, gli accentuati effetti di illuminazione e il sapiente uso del chiaroscuro; tra questi vi erano Orazio Gentileschi, Valentin de Boulogne, Jusepe de Ribera e Gerrit van Honthorst; nomi illustri, spesso distanti, per tempo e provenienza, rispetto al pittore a cui vengono accostati in questo contesto. Con circa 50 opere, la mostra copre in effetti un arco temporale che spazia per gran parte del XVII secolo: ogni dipinto esposto è stato sapientemente selezionato dai curatori per un indiscusso debito artistico nei confronti del pittore lombardo.

Beyond Caravaggio inizia esplorando i primi anni della carriera artistica di Caravaggio a Roma, noti per scene fortemente originali rappresentanti giovani, musicisti, ladri e cartomanti, definite dal movimento delle braccia, dalle pieghe delle vesti, dalla torsione dei corpi e dal magistrale uso della luce naturale; tra questi dipinti citiamo il celebre 'Fanciullo morso da un ramarro' (1594-95) di proprietà della stessa National Gallery che è esposto insieme a opere ad esso ispirate come 'Un musicista' (1615, Apsley House) di Cecco del Caravaggio, La zingara indovina (1615-20, Detroit Institute of Arts) di Bartolomeo Manfredi e Il baro dell'asso di fiori (1630-34) del pittore caravaggesco francese Georges de la Tour, (Kimbell Art Museum di Dallas). Troviamo anche il famosissimo dipinto 'La Cena in Emmaus' (1601, The National Gallery, Londra, vedi immagine di apertura) e il dipinto recentemente riscoperto 'La cattura di Cristo' (1602, National Gallery of Ireland), esposti con altre opere caravaggesche che ad essi si ispirano come 'Gesù e il tributo della moneta' (Scottish National Gallery) di Giovanni Serodine e 'Cristo fra i dottori' di Antiveduto Gramatica.

Mostra Caravaggio Londra

Michelangelo Merisi da Caravaggio, The Taking of Christ, 1602, Oil on canvas. On indefinite loan to the National Gallery of Ireland from the Jesuit Community, Leeson St., Dublin who acknowledge the kind generosity of the late Dr Marie Lea-Wilson. Photo © The National Gallery of Ireland, Dublin

Caravaggio, costretto a fuggire da Roma (accusato di omicidio), andò per due volte nel regno di Napoli, al tempo parte dell'Impero spagnolo e sede di numerosi artisti spagnoli; molti di essi rimasero fortemente affascinati dal suo talento, come Jusepe de Ribera che in questa mostra è rappresentato da 3 opere, tra cui si cita 'Il martirio di San Bartolomeo', proveniente dalla National Gallery of Art di Washington. Molti artisti napoletani si recarono a Roma dove ebbero l'opportunità di vedere le prime opere di Caravaggio; tra questi citiamo Mattia Preti, presente in mostra con il dipinto intitolato 'Il Gioco della Dama' (1635, Ashmolean Museum, Oxford).

Mostra Caravaggio Londra

Mattia Preti, called II Calabrese, Draughts Players, about 1635. Oil on canvas © Ashmolean Museum, University of Oxford

I dipinti di Caravaggio e dei suoi seguaci furono molto ricercati nelle decadi successive alla sua prematura morte; tuttavia dalla metà del XVII secolo l'interesse per lo stile caravaggesco cominciò a scemare: ci vollero circa tre secoli affinché la reputazione dei dipinti di Caravaggio fosse ripristinata e il suo talento artistico totalmente riconosciuto. Oggi è di nuovo ammirato per l'incredibile approccio naturalistico, l'estremo realismo, il sapiente uso della luce e la sorprendente modernità.

Beyond Caravaggio

Fino al 15 gennaio 2017

Aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00
(Venerdì fino alle 21.00)

Biglietto adulti £ 16.00

NATIONAL GALLERY

Trafalgar Square London, WC2N 5DN

Vincenzo Sebastiano
Questo articolo è stato scritto per Qui londra da:
Vincenzo Sebastiano
Giornalista, storico dell'arte, architetto