Assist. sanitaria
  • Eventi
  • Tour
  • Vacanza Londra
  • Cosa fare
  • Attrazioni
  • Trasporti
  • Vivere a Londra
  • Forum
  • Londra

    Londra: l'assistenza sanitaria quando si rimane

    Chi vive permanentemente (normalmente residente) nel Regno Unito, coniuge e figli inclusi se stabilizzati, ha il diritto ad usufruire gratuitamente del National Health Service (NHS), compreso il ricovero ospedaliero. Stesso diritto per chi ha un contratto di assunzione con un datore di lavoro che ha la sua principale sede nel Regno Unito, e per chi è lavoratore autonomo che qui svolge la sua attività (comprovabile con fatture e ricevute). In caso contrario potranno essere addebitate le spese per le eventuali cure ospedaliere ricevute. Per approfondimenti su costi ed esenzioni del servizio sanitario inglese si veda la pagina dal sito www.nhs.uk.

    Sono sempre comunque gratuiti per tutti alcuni servizi essenziali, tra cui il:

    • trattamento riservato a seguito di un incidente o di un evento che richieda l'intervento del dipartimento di emergenza;
    • trattamento per alcune malattie trasmissibili (escluso HIV / AIDS, in cui è gratuita solo la prima diagnosi e la prima consulenza);
    • trattamento psichiatrico obbligatorio;
    • servizi di pianificazione familiare.

    Spetta comunque all'ospedale decidere su ogni singolo caso e può capitare che venga richiesta la documentazione necessaria ad attestare la residenza nel Regno Unito o comunque il proprio status attuale: in questo caso occorre essere pronti a presentare il passaporto britannico, la documentazione che attesti la ricerca di un lavoro, che si hanno bambini a scuola, che si abbia presentato una qualche domanda per benefits, e così via. Gli italiani che vivono a Londra, e che loro malgrado hanno dovuto fare ricorso al servizio sanitario inglese, hanno toccato con mano inefficienze e ritardi che, incredibile ma vero, a volte fanno rimpiangere il sistema italiano. Ma a colpire negativamente è soprattutto la frequente disinvoltura con cui i pazienti vengono dimessi anzitempo dall'ospedale: dalla civile Gran Bretagna certo ci si potrebbe aspettare di più.

    In caso di soggiorno nel Regno Unito è importante provvedere a richiedere l'iscrizione tra i pazienti NHS di uno studio medico (General Practioner o GP) della zona in cui si risiede: per trovare un medico a Londra (ma anche un dentista o una farmacia) è possibile accedere alla pagina del sito www.nhs.uk e quindi inserire il postcode della propria zona. La domanda può essere rifiutata solo se vi sono fondati motivi ma per legge sono esclusi i motivi di razza, sesso, classe sociale, età, religione, orientamento sessuale, aspetto, disabilità o condizione medica. Sempre dal sito ufficiale dell'NHS è possibile in teoria trovare un medico dentista, ma nella realtà non è facile trovarne uno disposto ad accettare nuovi pazienti: per questo motivo è consigliabile porsi il problema prima di averne necessità, semprechè non si voglia ricorrere ad un odontoiatra privato.