contentmap_module
4.1176470588235 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 4.12

Sky Garden Londra

The Sky Garden, i giardini pensili più alti di Londra, si trovano al 35° piano del 20 Fenchurch Street, il nuovissimo grattacielo della City conosciuto anche come Walkie-Talkie per la sua forma più stretta alla base e più larga in cima. Ed è proprio la parte superiore del palazzo a vetri, che si sviluppa in altezza su tre piani, dal 35° al 37°, che si candida a diventare una delle principali attrazioni di Londra.

Pensato come parco pubblico della City of London, un escamotage per rendere meno inviso il progetto di un edificio che cozzava all'interno di una zona protetta architettonicamente, The Sky Garden si propone come spazio aperto a tutti per trascorrere piacevolmente il tempo libero, ma solo durante le ore d'ufficio e previa prenotazione; il giardino infatti apre al pubblico alle 10 e chiude alle 18. Dalle 18 in poi l'accesso è riservato ai clienti del bar e dei due ristoranti presenti nella struttura.

VISITA LONDRA CON UNA GUIDA ITALIANA

SCOPRI DI PIU'

L'ingresso dello Sky Garden si trova alle spalle dell'entrata principale del palazzo destinato ad uffici e dopo aver passato i controlli di sicurezza, rigorosi come quelli di un aeroporto, due velocissimi ascensori conducono direttamente al 35 ° piano e alla struttura che racchiude i giardini pensili.

L'ambiente, una combinazione di acciaio e vetro dalle pareti al tetto, offre un panorama mozzafiato sul Tamigi e sulla City of London, trovandosi l'edificio a torreggiare, a poca distanza, su monumenti come il Tower Bridge e la Torre di Londra a Est e il complesso di edifici della zona di Bank, dove si individuano costruzioni medievali come la Great Hall di Guildhall o alle sue spalle il Barbican. I giganti di Aldgate, Cheesegrater, Gherkin, Heron Tower e Tower 42 sono alle spalle, visibili dal lato opposto all'ingresso del giardino, mentre la prima immagine che si coglie è quella dello Shard di Renzo Piano che occupa il campo visivo appena varcata la soglia dello Sky Garden.



Alle estremità della grande terrazza inferiore partono due larghe rampe di scale che costeggiano due grandi aiuole verticali che accolgono una limitata varietà di piante mediterranee. Al centro di questo giardino, l'edificio a due elevazioni che contiene la brasserie e il ristorante.

Ad accogliervi un membro dello staff di Rhubarb, la società di catering pluripremiata che gestisce lo Sky Pod bar e i ristoranti Darwin Brasserie e Fenchurch Bar & Grill.

Nel complesso non si può negare che sia un ambiente elegante, ma l'atmosfera rarefatta così come la temperatura controllata, che impone l'uso obbligatorio del cappotto, lo allontanano dalla promessa di voler essere un luogo di relax dove sostare e intrattenersi amabilmente in attività sociali. Tuttavia, il panorama che si gode dalle sue vetrate, vale certamente la visita.

sky-garden-a
sky-garden-b
sky-garden-c
sky-garden-d
sky-garden-e
sky-garden-f
sky-garden-g
sky-garden-h
sky-garden-i
sky-garden-l
sky-garden-m
sky-garden-n
sky-garden-o
sky-garden-p
sky-garden-q

The Sky Garden

Sky Pod Bar

Occupa la terrazza più grande dello Sky Garden ed è stato pensato come un chiosco nel parco dove fermarsi per un caffè o una colazione veloce di giorno, o per bere un cocktail quando si accendono le luci della città. A proposito di cocktail, da provare il Viñoly, chiamato così in omaggio all'architetto uruguayano che ha firmato il progetto del Walkie-Talkie.

Darwin Brasserie

La Darwin Brasserie propone il classico menù british da pub, dalla full english breakfast al fish and chips, all'highlight del menù: la puffy pie di capriolo glassato. Il tutto da consumare davanti alle vetrate affacciate sulla città.

Fenchurch Bar & Grill

E' il fine dining dello Sky Garden. Vanta un menù ricercato e tipicità alimentari di nicchia provenienti da località celebrate per ciascuna specialità. Il pesce, i crostacei, il caviale, i molluschi sono i protagonisti ma per gli amanti della carne non mancano succulenti tagli speciali. Si trova al 37° piano ed ha una terrazza che si affaccia sui piani sottostanti.

Antonella Sciortino
Questo articolo è stato scritto per Qui londra da:
Antonella Sciortino
Giornalista e blogger #Londradaybyday

contentmap_plugin

Cosa vedere vicino agli Sky Gardens